L’arte dei Carbonari affascina Diamante: premiato il reporter Caracciolo

VIDEO | Il lavoro del professionista tropeano ottiene il riconoscimeno come miglior documentario in occasione del “Mediterraneo film festival international”: «Racconto attraverso le immagini»

di G. D.A.
lunedì 9 settembre 2019
16:00
182 condivisioni
Saverio Caracciolo premiato a Diamante
Saverio Caracciolo premiato a Diamante

Volti segnati dalla fatica, mani sporche di lavoro e dignità. Questi e molti altri i tratti che caratterizzano “I carbonari”, il lavoro del videoreporter di LaC Tv Saverio Caracciolo che, nei giorni scorsi, ha ottenuto il premio come miglior documentario nell’ambito del “Mediterraneo film festival international” di Diamante.

Il premio a “I carbonari”

Al centro della pellicola, un mondo che appare a noi lontanissimo. Un mestiere che, nel cuore delle Serre vibonese, resiste: «E' un lavoro dimenticato, quello descritto dal regista in questo documentario che testimonia l'esistenza di un altro mondo, parallelo a quello tecnologico e iperconnesso fatto di spiagge da sogno e mari brillanti», rimarcano nella motivazione del riconoscimento, i membri della giuria. “I carbonari”, infatti, sembrano appartenere a universi insondati: «Un altro mondo – concordano i giudici - fatto di duro lavoro, descritto nei minimi particolari dall'inizio alla fine e che taglia il fiato, al solo pensiero di una sola giornata vissuta». A conquistare, anche gli aspetti più tecnici come la fotografia e il montaggio che non annoiano anzi illustrano con grande maestria un pezzo di Calabria ai più sconosciuta.

La fotografia sonora

Nel corso della serata dedicata al genio degli effetti speciali Carlo Rambaldi, il videoreporter tropeano ha avuto modo di presentare lo stile che caratterizza i suoi documentari. La forza espressiva delle immagini riesce ad essere più efficace di qualsiasi altra cosa, sottotitoli compresi. Una “fotografia sonora”, come ha più volte specificato il professionista che permette a chi osserva di comprendere a fondo la storia senza aver bisogno d’altro: «Le immagini hanno una lettura chiara e riescono a raggiungere il pubblico in maniera immediata». Così, dopo il recente successo riscosso a Fiumefreddo Bruzio e Trebisacce, “I carbonari” conquistano un altro significativo traguardo: «È stata una grande emozione sentire l’affetto e gli applausi del pubblico, registri compresi. Un momento che non dimenticherò», conclude infine Caracciolo. G.d’a.

LEGGI ANCHE: 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

G. D.A.
Giornalista
♠Ha conseguito la maturità classica presso il liceo classico “Michele Morelli” di Vibo Valentia. Nel 2013 ha acquisito la laurea in Scienze giuridiche, Facoltà Giurisprudenza, Università Cattolica del Sacro cuore in Milano. Giornalista pubblicista, dall’aprile 2013 ad oggi collabora come corrispondente con la testata giornalistica "Il Quotidiano del Sud". Parte integrante della manifestazione culturale "Festival Leggere&Scrivere" del Sistema bibliotecario vibonese; ha curato nel 2015 e 2016 l'ufficio stampa. Sempre nel 2015, addetto stampa nella manifestazione “Dieta Mediterranea, percorsi di consapevolezza del riconoscimento Unesco”, eventi in collaborazione con il Museo archeologico nazionale "Capialbi" di Vibo Valentia. Nelle prime due edizioni del "Festival per l'economia", aprile 2015 e 2016 a Vibo Valentia, ha ricoperto la carica di ufficio stampa. Nella sezione fotografia, nel giugno 2015 e nel giugno 2016, è stata scelta tra i finalisti del Premio internazionale "Art Contest". Si è occupata della comunicazione di alcune associazioni di volontariato del Vibonese. Tra queste l'associazione di psicologi e psichiatri "MiPiAci". 
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream