Truffe assicurative e falsi incidenti a Reggio, tra gli indagati anche due avvocati

VIDEO | Sette le persone coinvolte nel blitz dei carabinieri, scaturito dalle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia. Sigilli a un'autocarrozzeria e un centro di protesi dentale 

di Redazione
3 dicembre 2019
06:59
38 condivisioni

A Reggio Calabria, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale e delle Compagnie di Reggio Calabria e Melito Porto Salvo, hanno dato esecuzione a un decreto di perquisizione domiciliare emesso dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, nei confronti di 7 indagati per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe assicurative, falsa testimonianza e corruzione.

 Gli indagati

Gli indagati, tutti reggini, sono A.A.C. di anni 33, G.C. di anni 58, G.A.N. di anni 47 (titolare di una autocarrozzeria), R.P. di anni 33, S.P. di anni 58, A.T. di anni 37 (avvocato) e U.T. di anni 42 (avvocato). Nel corso delle operazioni si è inoltre proceduto dare esecuzione al decreto di sequestro preventivo a carico un’autocarrozzeria del rione Modena di Reggio Calabria e di un centro protesi dentale sito a Reggio Calabria - Gallico.

Gli odierni provvedimenti hanno origine da un’attività d’indagine condotta dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Reggio Calabria, coordinata dal sostituto procuratore Stefano Musolino, avviata per riscontrare parte delle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia. Tra i soggetti menzionati dal collaboratore, e quindi oggetto della preliminare attenzione investigativa, vi erano i due fratelli U. ed A. T., entrambi avvocati del Foro di Reggio Calabria, sui quali emergeva che si occupassero precipuamente di pratiche riguardanti sinistri stradali.

Le indagini

Dalle complessive risultanze venivano cristallizzate a loro carico chiare condotte criminali che li ponevano a capo di un’organizzazione dedita alla commissione di truffe in danno delle compagnie assicurative simulando artatamente incidenti. Il fine ultimo era quello di ottenere lauti risarcimenti dalle compagnie assicurative e, per far sì che tutto andasse per il verso giusto, gli indagati adottavano ogni forma di espediente.  Nel corso delle investigazioni, si possono riscontare richieste risarcitorie per oltre 100 mila euro e si è assistito a truffe seriali che venivano realizzate attraverso l’attuazione reiterata, da parte di più soggetti, di un protocollo collaudato, atto a trarre in inganno le imprese di assicurazioni, al fine di percepire indebiti risarcimenti.

I reati contestati e le modalità con le quali venivano posti in essere evidenziano come si attivi di fatto, e certamente questo è già avvenuto sull’intero territorio nazionale, un circolo vizioso, poiché le assicurazioni, vedendosi truffate, aumentano il prezzo base dell’Rca, che innesca a sua volta ulteriori frodi che causeranno costanti aumenti sulla polizza Rca di tutti i cittadini.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio