Costrette a prostituirsi per saldare i debiti con la maman, sgominato clan mafioso nigeriano

Gli investigatori hanno accertato due episodi avvenuti a Reggio Calabria e Palermo, vittime due giovani nigeriane

21 novembre 2018
18:17
16 condivisioni

C'è anche la tratta di esseri umani e in particolare di donne, poi costrette a prostituirsi, tra le accuse contestate al clan mafioso di nigeriani con base in Sardegna sgominato dalla Polizia di Cagliari. Gli investigatori hanno accertato due episodi avvenuti a Reggio Calabria e Palermo, vittime due giovani nigeriane. Avvicinate dall'organizzazione nel loro paese di origine con la finta promessa di un lavoro regolare, avevano contratto un debito di 15mila euro con una 'maman' per pagarsi il viaggio verso l'Italia. Una volta sbarcate in Calabria e in Sicilia, le ragazze sono state contattate da due affiliati al clan sardo, Loveth Enogieru, 44 anni di Decimomannu, e Edith Ehimwenma, di 27 di Esterzili. Ma alle due connazionali non è stata offerta alcuna occupazione 'pulita': sono state invece costrette a prostituirsi, una in strada l'altra in un appartamento, per saldare il debito con la 'maman'. Oggi –riferisce l’ansa - sono tornate libere grazie al blitz della Polizia.  

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio