Traffico di animali protetti, sette arresti a Reggio NOMI-FOTO-VIDEO

I reati contestati cattura e commercio di volatili senza autorizzazione. Alcuni esemplari destinati ai ristoranti del Nord

25 maggio 2018
13:00
8 condivisioni

In provincia di Reggio Calabria, i Carabinieri Forestali del Raggruppamento Cites stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 8 persone (sette arresti e un obbligo di dimora), accusate di appartenere ad un’organizzazione dedita alla cattura ed al commercio, su territorio nazionale e all’estero, di avifauna selvatica protetta e particolarmente protetta dalla Convenzione di Berna.

Le indagini, coordinate dalla Procura di Reggio Calabria, hanno accertato che i destinatari del provvedimento, bracconieri dediti alla cattura indiscriminata di migliaia di volatili in aree boschive della Calabria, avevano organizzato una filiera illegale per il libero commercio degli esemplari vivi, venduti in Italia e all’estero, sviluppando anche autonomi canali di distribuzione di uccellagione morta destinata ai ristoranti del Nord Italia.

Il giro d’affari del traffico di specie protette, volatili venduti fino a 100 euro 

I nomi degli arrestati: Francesco Repaci, cl. 48, Pasquale Repaci, cl. 77, Giuseppe Gagliostro, cl. 63, Angelo Barillà cl. 72; Rocco Costantinocl. 58; Giovanni Porpiglia cl. 91; Demetrio Labate cl. 57; Domenica Siclari cl. 59.

Rocco Costantino
Rocco Costantino
Pasquale Repaci
Pasquale Repaci
Giuseppe Gagliostro
Giuseppe Gagliostro
Giovanni Porpiglia
Giovanni Porpiglia
Francesco Repaci
Francesco Repaci
Demetrio Labate
Demetrio Labate
Angelo Barilla
Angelo Barilla
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio