Stige, rinvio a giudizio per il maresciallo Carmine Greco

Il sottoufficiale, ex comandante della stazione dei carabinieri forestali di Cava di Melis, è accusato di aver favorito le cosche del Crotonese

di Salvatore Bruno
martedì 26 marzo 2019
17:58
28 condivisioni
Il maresciallo Carmine Greco
Il maresciallo Carmine Greco

Il Gup di Catanzaro, Pietro Carè, ha rinviato a giudizio il maresciallo dei carabinieri forestali Carmine Greco, ex comandante della stazione di Cava di Melis, nel comune di Longobucco. Il sottoufficiale è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, nell’ambito dell’inchiesta scaturita dalla maxi operazione denominata Stige.

I legami con le cosche crotonesi

Secondo le indagini condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, Greco era iscritto nel libro paga delle cosche cirotane, nella presila crotonese. Il suo nome sarebbe stato rivelato anche dal collaboratore di giustizia Francesco Oliverio, il quale avrebbe raccontato di mazzette versate ai forestali affinché chiudessero un occhio sulle attività di disboscamento, favorendo un cartello di imprese legate ai Marao-Farincola. I legali del carabiniere, Franco Sammarco e Antonio Quintieri, avevano sollevato una eccezione in merito alla competenza, chiedendo il trasferimento degli atti a Salerno, dove è incardinato un altro procedimento nei confronti del maresciallo, per falso, rifiuto d’atti d’ufficio e abuso d’ufficio, in relazione ad un secondo filone giudiziario che vede lo stesso Greco alla sbarra insieme a magistrati del distretto di Catanzaro, per aver manipolato una serie di atti di indagine, verosimilmente quella che ha condotto la Procura di Castrovillari ad accusare di concussione una funzionaria di Calabria Verde. Secondo la difesa le due vicende erano sovrapponibili. Invece il giudice ha deciso di respingere l’istanza, fissando la prima udienza del processo per il prossimo 20 maggio al tribunale di Crotone.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream