Sequestrati rifiuti speciali nel depuratore di Corigliano-Rossano

Si tratta principalmente di scarti “non pericolosi” del processo di filtrazione e decantazione dei liquami trattati nell’impianto che nel 2018 era stato sottoposto a sequestro penale

di Redazione
21 maggio 2019
16:12
Condividi

Un illecito stoccaggio di rifiuti speciali non pericolosi è stato scoperto dalla Guardia costiera di Corigliano Calabro nell'impianto di depurazione di località Sant’Angelo di Corigliano-Rossano. Dalla verifica effettuata dai militari è emersa la presenza di 16 metri cubi circa di fanghi di depurazione, 24 mc circa di vaglio di depurazione e 02 mc di sabbie di depurazione.
Tutti i rifiuti sono stati posti sotto sequestro e i responsabili sono stati segnalati. Sempre nell'ambito delle attività di controllo coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari già nell'agosto 2018, l'intero impianto di depurazione in località Sant'Angelo di Rossano e la condotta sottomarina asservita alla stessa struttura erano state sottoposte a sequestro penale.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio