Santa Maria del Cedro, incendio doloso danneggia gli interni di un hotel

L'arrivo dei vigili del fuoco di Scalea ha evitato che il fuoco si estendensse alla strutture vicine

di Francesca  Lagatta
domenica 14 aprile 2019
12:22
20 condivisioni
L’ingresso dell’Hotel Domus
L’ingresso dell’Hotel Domus

La notte scorsa, tra le ore 2 e le ore 3, un incendio di vaste dimensioni ha distrutto gran parte degli interni del Domus Hotel, un'enorme struttura ricettiva attualmente dismessa sita a Santa Maria del Cedro. Lo stabile sorge tra la strada statale 18 e il mare, che dista solo pochi metri. Le fiamme sono state domate dai vigili del fuoco di Scalea, che grazie al loro arrivo hanno evitato che il fuoco si estendesse alle vicine abitazioni o che potesse mettere in pericolo gli automobilisti in transito sull'adiacente arteria stradale. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della locale stazione, che hanno avviato le indagini coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Scalea, al comando del capitano Andrea Massari.

Matrice dolosa

Per gli inquirenti non ci sono dubbi, l'incendio è di matrice dolosa, sarebbe stato appiccato volutamente da uno o più ignoti criminali che hanno agito con il favore del buio. Ad alimentare questa teoria è il fatto che i miliari hanno trovato le porte d'ingresso divelte. Qualcuno si è quindi introdotto all'interno dei locali, dove con tutta probabilità ha sparso del liquido infiammabile e ha dato fuoco all'arredamento. Al momento, però, gli investigatori non sanno riferire se si tratti di una intimidazione da parte della criminalità o di un regolamento di conti dovuto a possibili beghe personali. Pertanto nessuna pista può essere esclusa, nemmeno quella del malvivente che ha agito solo per dare sfogo alla propria infima follia.

Il rettilineo della criminalità

Il luogo dove è avvenuto l'episodio si trova lungo il corso Mediterraneo, un rettilineo di qualche centinaio di metri che negli ultimi tempi ha visto accadere più importanti fatti di cronaca di Santa Maria del Cedro. Lungo lo stesso tratto si trova infatti un disco bar che due anni fa fu vittima di un attentato incendiario a scopo ritorsivo da parte del clan 'ndranghetistico dei Muto. Il corso Mediterraneo è adiacente anche alla serie di strutture alberghiere divenute note per lo scandalo dell'abusivismo demaniale, che dopo anni di lotte ha recentemente conosciuto la fama nazionale. A poche centinaia di metri, allo svincolo conosciuto da tutti come "il bivio della Madonnina", c'è la strada che porta dritto ad altri due atroci fatti di cronaca: l'incendio delle scorse settimane che ha letteralmente distrutto la casa estiva del segretario nazionale della Cisal e il ritrovamento del cadavere di una donna incinta, una senegalese di 40 anni, che ha portato alla luce un giro losco di prostituzione e degrado.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: