Spese pazze in Regione, accuse archiviate per sette consiglieri

La decisione del gip di Reggio Calabria che ha condiviso la richiesta della Procura a seguito degli approfondimenti investigativi e delle tesi sostenute dalla difesa. Dall'inchiesta Rimborsopoli emersero gli sperperi dei politici: viaggi, cene di lusso, trattamenti spa e limousine

di Consolato Minniti
2 dicembre 2019
20:19
117 condivisioni
Ristorante, immagine di repertorio
Ristorante, immagine di repertorio

Sette posizioni archiviate. Questa la decisione del gip del Tribunale di Reggio Calabria, Alessandra Borselli, per altrettanti consiglieri regionali accusati di peculato e falso nell’ambito dell’inchiesta “Rimborsopoli”. Si tratta di Pietro Aiello, Giovanni Bilardi, Gianluca Gallo, Giuseppe Giordano, Salvatore Magarò, Claudio Parente e Mimmo Talarico. Secondo l’impostazione accusatoria della Procura della Repubblica reggina, i consiglieri avrebbero utilizzato per fini personali i soldi pubblici. Tuttavia, il gip, accogliendo la stessa richiesta della Procura, così come la tesi degli avvocati difensori, ha stabilito che il reato non possa essere ritenuto consumato. Nei confronti di Aiello, Bilardi, Giordano e Magarò, infatti, il giudice per le indagini preliminari ha rimarcato come non vi siano elementi sufficienti per ritenere integrata la dimensione oggettiva del reato. Per quanto concerne, invece, Parente e Talarico, è la dimensione soggettiva ad essere deficitaria. Un quadro che ha portato il gip ad optare per l’archiviazione.

 

L’inchiesta “Rimborsopoli”

È un rosario di soldi sperperati quello che emerge dalle carte di “Erga omnes” poi ribattezzata “Rimborsopoli”. Larga parte di queste spese pazze era già nota alla collettività. Così si è scoperto non soltanto che vi erano politici che, più di tutti, hanno fatto ricorso al rimborso facile; ma anche quelli che hanno tentato la furbata della doppia rendicontazione (gruppo, Consiglio), nonché coloro i quali hanno addirittura provato a portare come “pezze giustificative” delle false fatture o che si sono fatti rendicontare spese sostenute addirittura prima che iniziasse la legislatura. È un elenco imbarazzante ed a tratti irritante: viaggi nelle più esclusive mete europee, una quantità quasi inimmaginabile di pranzi e cene nei migliori ristoranti d’Italia e all’estero (da “Er faciolaro” e quelli esclusivi di Montecarlo), ma ancora servizio limousine, trattamento corpo e Spa; per non parlare di fitness, carburanti, cancelleria, tagliandi parcheggio, gratta e vinci, tarsu, gadget, materiale edile, regali natalizi, spesa in macelleria e un… televisore per la casa. Senza dimenticare, ovviamente, l’attività di finanziamento delle iniziative politiche di partito. Così, mentre per alcuni vi è stato il rinvio a giudizio, per i consiglieri sopra elencati, con riferimento agli episodi specificamente contestati, è intervenuta l’archiviazione

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Consolato Minniti
Giornalista

Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogl...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio