Reati ambientali nella valle dell'Esaro, quattro deferiti

Oltre un anno di indagini condotte dai carabinieri. Le attività, infatti, sono iniziate nel maggio 2016

di Salvatore Bruno
21 novembre 2017
07:35
Condividi

Quattro persone, il proprietario di un terreno e tre amministratori di altrettante società operanti nel settore agricolo e movimento terra, sono state deferite dai carabinieri della compagnia di San Marco Argentano e della stazione carabinieri forestali di Fagnano Castello, alla procura della repubblica di Cosenza per i reati di deturpamento di bellezze naturali e furto aggravato.

Distrutto parzialmente l'argine del fiume Esaro

Al termine di un’articolata attività investigativa intrapresa nel maggio del 2016, i militari hanno accertato che i deferiti, con l’ausilio di mezzi meccanici, hanno realizzato senza alcun tipo di autorizzazione, una pista transitabile lungo il fiume Esaro in località Pauciuri del comune di Malvito e Macchie del comune di santa Caterina Albanese, distruggendo gli argini del corso d’acqua e deviandone l’alveo in aree sottoposte a vincolo paesaggistico. Inoltre, una delle sponde dell’Esaro è stata soggetta a sbancamento per la raccolta, il trasporto e il commercio di inerti prelevati abusivamente dal demanio fluviale. Gli inerti venivano poi depositati nel terreno di proprietà di uno dei deferiti, già noto alle forze dell’ordine.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio