Quintali di rifiuti in un terreno, sequestrata discarica nel Reggino

Il sito, collocato a Oppido Mamertina, era gestito dalla società Cooperativa Mondovivo. Denunciato il presidente

30 aprile 2018
16:55
3 condivisioni
Discarica sequestrata nel Reggino
Discarica sequestrata nel Reggino

Nei giorni scorsi Carabinieri della Compagnia di Palmi assieme ai colleghi del Nucleo operativo ecologico di Reggio Calabria hanno sequestrato una discarica sita in contrada Quarantano di Castellace di Oppido Mamertina, gestita dalla società Cooperativa Mondovivo ed hanno denunciato il suo presidente per il reato di attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

 

In particolare, all’interno dell’impianto, che si estende su una superficie di circa 5.000 mq circondata da agrumeti, erano presenti centinaia di quintali di rifiuti di cartone sparso ovunque, plastiche di varia natura, sia in cumuli che ammassate, materiale ferroso sparso, cumuli di eco balle di cartone, di multi-materiale, di polietilene e di polistirolo, stoccati sul nudo terreno in alti cumuli e in molti casi frammisti tra loro, che, in base alla documentazione acquisita, risultano provenire sia da enti pubblici che da privati.

 

Gli accertamenti successivi effettuati sulla documentazione, chiarivano che l’impianto era sprovvisto dell’Autorizzazione Unica Ambientale (Aua) sin dall’ottobre 2014, titolo necessario al trattamento e al recupero dei rifiuti. La documentazione rinvenuta all’interno degli uffici e la quantità di rifiuti in lavorazione indica, inequivocabilmente, che la discarica era in attività senza soluzione di continuità dall’ottobre 2014, data di scadenza della precedente autorizzazione al trattamento di rifiuti.

 

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio