“Breakfast”, Scajola chiese di spostare fondi bancari di Chiara Rizzo da Montecarlo a Nizza

La testimonianza di un funzionario di banca svela la volontà di trasferire somme cointestate fra Rizzo e la suocera. Ma la cosa non andò in porto

di Consolato Minniti
22 gennaio 2018
11:07
Condividi

Claudio Scajola si rivolse ad un funzionario di banca Carige per spostare ingenti somme da Montecarlo a Nizza, ma l'operazione non andò in porto per il diniego da parte del funzionario Carige. È quanto emerge dal processo "Breakfast", in corso di svolgimento al Cedir e che vede imputato l'ex ministro dell'Interno Claudio Scajola e la moglie di Matacena, Chiara Rizzo, che devono rispondere dell'accusa di aver favorito la latitanza di Matacena.

 

 Il funzionario ha spiegato che la richiesta, da parte di Scajola, avvenne in via informale. A lui fu detto che la Rizzo era interessata allo spostamento delle somme da Montecarlo a Nizza per ragioni di tipo personale, che erano cointestate con la suocera. Vi era dunque la necessità di sganciare quei fondi. Scajola disse al funzionario che il marito della donna aveva giusto qualche problema con la giustizia, ricorda il testimone, ma i successivi accertamenti da parte dell'uomo portarono a capire che Matacena era stato condannato per concorso esterno in associazione mafiosa ed era latitante. Tale contesto portò il funzionario a non dare corso alla richiesta di Scajola. Da rimarcare come il fratello di Scajola, all'epoca della richiesta, fosse il vicepresidente di Banca Carige.

 

Consolato Minniti

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Consolato Minniti
Giornalista

Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogl...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio