Ondata di piena, è strage: morti e dispersi in Calabria alle Gole del Raganello

VIDEO | Il gruppo di escursionisti, tra cui alcuni bambini, è stato improvvisamente investito dall'acqua a causa delle copiose precipitazioni a monte. Sul posto protezione civile, forze dell'ordine, soccorso alpino e vigili del fuoco. Difficile stabilire al momento quante persone vi fossero nel canyon

di Salvatore Bruno
20 agosto 2018
17:41
3634 condivisioni

Nove i morti (sei donne e tre uomini), 23 le persone salvate e 5 i dispersi. Questo il drammatico bilancio della strage delle Gole del Raganello dove un'ondata di piena del torrente ha travolto gruppi di escursionisti. La tragedia è accaduta a Civita, nel Cosentino questo pomeriggio.

Le persone rimaste coinvolte nell'ondata facevano parte di due gruppi di 18 persone ciascuno, per un totale di 36 coinvolti. Delle 23 persone salvate, sette sono state portate in ospedale, tra le quali anche una bambina in stato di ipotermia. Altre sette persone sono state medicate sul posto, mentre nove ne sono uscite incolumi.

 

Il sindaco di Civita, Andrea Tocci, segue le operazioni di soccorso dal Ponte del Diavolo affacciato sul Raganello. La piena, secondo le prime frammentarie informazioni, avrebbe colto di sorpresa il gruppo, probabilmente a causa del fatto che in quel momento nella zona di Civita le precipitazioni erano meno consistenti. Il corso d'acqua si sarebbe ingrossato a monte, in territorio del comune di San Lorenzo Bellizzi, ed avrebbe poi investito il gruppo di escursionisti.

 

Vigili del fuoco, unità del soccorso alpino, carabinieri forestali e forze dell’ordine sono impegnate nel territorio del comune di Civita in un intervento di soccorso nelle gole del Raganello. Secondo le prime  notizie, un gruppo di escursionisti sarebbe stato sorpreso da una piena, scaturita dal maltempo che sta flagellando l’intera area del Pollino. La zona è battuta da forti piogge da diverse ore.

 

Sul posto sono giunti anche i magistrati della Procura di Castrovillari.

 

Il gruppo speleologico del Soccorso alpino calabrese si sta organizzando per risalire il corso del torrente Raganello alla ricerca di eventuali superstiti dispersi ed i corpi delle vittime non ancora recuperati. Nelle gole del Raganello, infatti, ci sono vari anfratti e speroni sui quali potrebbero essersi salvati alcuni degli escursionisti che si trovavano nella zona. L'acqua del torrente, intanto, dopo la piena del pomeriggio, sta lentamente calando.

 

La protezione civile regionale della Calabria sta inviando delle torri faro nelle Gole del Raganello, dove la piena del torrente ha investito un gruppo di escursionisti provocando otto morti. Le torri faro serviranno ad illuminare la zona durante la notte per proseguire le ricerche di eventuali dispersi e dei corpi delle vittime della tragedia.

 

 

 

 

 

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista

Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche.

...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio