Dai pentiti ai maxi processi, il cancelliere testimone della storia di Reggio

VIDEO | Francesco Riggio lascia l’incarico dopo quasi 30 anni di servizio alla Corte d’Appello della città dello Stretto. Dalle verbalizzazioni con le penne alla macchina da scrivere sino al computer, ha attraversato epoche difficili: «I miei amici li vidi dentro le gabbie»

di Consolato Minniti
19 agosto 2019
16:21
751 condivisioni
Franco Riggio
Franco Riggio

È l’ora del pensionamento per una delle colonne portanti del distretto giudiziario di Reggio Calabria. Francesco Riggio, fra pochi giorni, lascerà ufficialmente il suo incarico alla Corte d’Appello. Lui che aveva iniziato a lavorare al Comune reggino, poi, d’improvviso, si trovò al cospetto del presidente Viola. Dai processi per amnistia ai “maxi” il passo fu brevissimo. E proprio Riggio fu colui che, per primo, utilizzò la macchina da scrivere per verbalizzare i processi al posto della classica penna. Oggi il decano dei cancellieri reggini si racconta in questa lunga chiacchierata, dove non mancano emozioni, ricordi e aneddoti.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Consolato Minniti
Giornalista

Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogl...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio