Ospedale al collasso, i medici “declinano ogni responsabilità”: neonati e mamme a rischio

FOTO- VIDEO | Otto camici bianchi del reparto di Ostetricia e Ginecologia del nosocomio di Vibo Valentia denunciano in Procura la gravissima situazione presente nella struttura: personale ridotto all’osso, mancanza di presidi sanitari di base, standard di sicurezza non rispettati. L’appello rivolto anche al ministro della Salute e alla dirigenza dell’Asp    

di Cristina Iannuzzi
7 giugno 2019
20:32
284 condivisioni
L’ingresso della sala parto dell’ospedale di Vibo
L’ingresso della sala parto dell’ospedale di Vibo

«Decliniamo ogni responsabilità». Quando una frase come questa viene detta da un medico in servizio in un ospedale pubblico c’è da preoccuparsi davvero. Quando poi a dirlo sono addirittura otto camici bianchi in servizio in un reparto dove nascono i bambini, il livello d’allarme sale ulteriormente.
È quanto accade a Vibo Valentia, dove i medici di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Jazzolino hanno presentato un esposto alle procure di Catanzaro e Vibo Valentia, per denunciare la grave carenza di personale medico e infermieristico che rischia di paralizzare l’attività. In una lettera inviata anche al ministro della Salute, al commissario ad acta per la Sanità, ai dirigenti dell’Asp e del nosocomio, gli otto dottori in servizio arrivano a «declinare ogni responsabilità civile, penale ed amministrativa, se per il permanere di questo grave stato di cose dovesse derivare qualsiasi danno alle pazienti o ai nascituri».


Un reparto, quello nell’occhio del ciclone, costretto a fare i conti con l’uscita negli ultimi anni di ben sei dottori andati in pensione e mai rimpiazzati.
Orami sono rimasti in pochissimi. Degli otto medici in organico, più il direttore del reparto, sono soltanto sei quelli che effettuano i turni per l’assistenza h 24, con la relativa reperibilità notturna, costretti così a doppi turni di lavoro e a rinunciare ai riposi e alle ferie.
Un grido d’allarme che gli stessi firmatari avevano lanciato già nel 2017, rimanendo inascoltato senza sortire alcun effetto. Oggi la situazione è al collasso. I medici sono esasperati. Nella lettera denuncia chiedono di adeguare l’unità operativa agli standard normativi previsti per garantire l’assistenza in un reparto ad alto rischio di urgenze emergenze.

 

Con l’approssimarsi della stagione estiva, quando ogni medico dovrà usufruire delle dovute ferie, la situazione è destinata a diventare ancora più critica.
E, come se non bastasse, ad aggravare il contesto ci sono le carenze strutturali del vecchio ospedale, che si presenta come un cantiere per alcuni lavori che procedono a rilento. È il caso della nuova sala parto, che attende da sei anni di essere ultimata. Sulla carta mancherebbe solo il collaudo, ma – quasi inutile dirlo – tutto è fermo.
I medici calabresi sono ormai come soldati in trincea, spessi costretti a prestare servizio in ospedali da incubo, senza personale, senza presidi sanitari di base, a volte finanche senza garze. Quello dei camici bianchi è un grido d’allarme che si leva forte dal Pollino allo Stretto. E Vibo Valentia, nelle ultime ore, è l’epicentro della protesta.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Cristina Iannuzzi
Giornalista
Cristina Iannuzzi è nata a Castrovillari (Cs) il 05/10/1977.Vive a Vibo Valentia dal 1992. E' cresciuta  a pane e televisione. La sua attività inizia sin dagli anni giovanili a Rete Kalabria, prima come speaker, poi come conduttrice e successivamente come giornalista di cronaca e d'inchiesta.  Tra le sue trasmissioni di maggior successo figurano i reportage dalle zone alluvionate delle Marinate di Vibo Marina, dove è stata tra le prime ad arrivare e a lanciare le prime immagini e i  servizi sulla rivolta  degli extra comunitari di Rosarno. Negli anni he anche collaborato alla "Gazzetta del Sud" e ad alcuni  periodici locali. Le principali regole del suo lavoro quotidiano sul fronte dell'informazione sono  la ricerca delle verità e della notizia.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio