La truffa nelle case popolari e i soldi comunali spesi per bonificare gli uffici dalle microspie

VIDEO | Peculato e abuso d’ufficio tra i reati contestati al sindaco di Guardia Piemontese e al funzionario comunale arrestati questa mattina nell’ambito dell’operazione Domus scattata questa mattina e condotta dalla Procura di Paola

di Salvatore Bruno
lunedì 30 luglio 2018
12:30
37 condivisioni
La conferenza stampa a Paola
La conferenza stampa a Paola

Hanno assegnato un alloggio popolare ad un nucleo familiare in via d’urgenza senza la sussistenza dei requisiti previsti dalla legge, penalizzando così gli aventi diritto a quell’abitazione. Poi, quando i carabinieri hanno avviato le indagini sull’episodio, chiedendo chiarimenti all’amministrazione comunale, hanno anche tentato di inquinare le prove, falsificando il registro del protocollo e bonificando, a spese della collettività, alcuni uffici oggetto di intercettazioni ambientali da parte delle forze dell’ordine. Per questo il sindaco di Guardia Piemontese Vincenzo Rocchetti 56 anni, ed il responsabile tecnico del medesimo comune Giuseppe Caruso, 43, sono stati arrestati e condotti in carcere in esecuzione di due ordinanze cautelari emesse dal Gip del tribunale di Paola Rosamaria Mesiti, su richiesta del procuratore capo Pierpaolo Bruni.
Le manette sono scattate proprio per il rischio di reiterazione del reato. L’inchiesta, avviata nel gennaio del 2017, ha preso spunto da un’attività di iniziativa della stazione carabinieri della città termale. I militari hanno avviato verifiche in merito alla consegna di tre appartamenti ad altrettante famiglie, una delle quali, secondo quanto emerso dalle attività di accertamento, sarebbe stata attribuita sulla base di rapporti personali. Rocchetti e Caruso avrebbero allora alterato il protocollo per far risultare la presenza di una istanza in tal senso, falsificando la data di acquisizione. Poi, sospettando la presenza negli uffici del municipio di microfoni posti dagli inquirenti per intercettazioni ambientali, hanno speso 1.600 euro di fondi pubblici per procedere alla bonifica. Per un terzo indagato era stata richiesta la misura degli arresti domiciliari, poi ritirata poiché il destinatario si trova ricoverato in precarie condizioni di salute in una struttura sanitaria.

>LEGGI ANCHE:  Peculato e abuso d’ufficio. Arrestato il sindaco di Guardia Piemontese

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: