Omicidio a Santa Domenica, pena ridotta per il circense Alex Orfei

La vittima, Werner De Bianchi, titolare anche lui di un circo dove era trapezista venne colpito mortalmente nel parcheggio di un supermercato nel Vibonese

di Redazione
13 gennaio 2019
13:05
6 condivisioni
Alex Orfei
Alex Orfei

Bisognerà attendere il deposito delle motivazioni della sentenza – stabilito dalla Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro in 90 giorni – per capire i motivi alla base della riduzione di pena decisa venerdì dai giudici nei confronti del 34enne Alex Orfei, titolare di un circo, ritenuto responsabile dell’omicidio volontario di Werner De Bianchi, di 36 anni, anche lui titolare di un’attività circense dove era trapezista, avvenuto il 12 agosto 2016 nel parcheggio di un supermercato a Santa Domenica di Ricadi in località “Gesuini”.

 

In primo grado, al termine del processo con rito abbreviato (che gli è valso dinanzi al gup del Tribunale di Vibo uno sconto di pena pari ad un terzo), Alex Orfei il 16 novembre 2017 era stato condannato a 15 anni e 6 mesi di reclusione, ridotti ora in appello a 11 anni e 6 mesi. La Corte d’Assise d'Appello gli ha concesso le attenuanti generiche come prevalenti sull’aggravante dei futili motivi nel fatto di sangue. In primo grado il pm aveva chiesto 30 anni di reclusione. Werner De Bianchi è stato ucciso con una coltellata all’addome. Movente dell’omicidio, secondo l’accusa, alcune questioni di carattere economico. Trasportato all’ospedale di Tropea e poi a quello di Vibo Valentia, De Bianchi era stato sottoposto ad intervento chirurgico d’urgenza ma era poi morto durante la notte.

 

 Dopo aver accoltellato il circense, Alex Orfei (difeso dall'avvocato Salvatore Staiano) aveva scritto un post su facebook vantandosi per il suo gesto. “E uno saccagnato…ora tocca all’altro”. Questa la frase shock comparsa sul profilo di Alex Orfei e che lasciava presupporre come il proprietario del circo avesse intenzione di accoltellare una seconda persona. Orfei era stato arrestato dalla polizia a Santa Domenica di Ricadi dove il suo circo era arrivato da due giorni. I familiari di De Bianchi –riferisce l’agi-  figuravano nel processo quali parti civili con gli avvocati Riccardo e Marco Rosa. 

 

LEGGI ANCHE: Lite fra circensi, condannato per omicidio Alex Orfei

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio