Omicidio Bruzzese, il fratello pentito chiede di rimanere a Pesaro

Girolamo Bruzzese si è presentato al comando della polizia municipale ma non è stato ricevuto dal sindaco. Stessa richiesta dalla moglie della vittima

di Redazione
28 dicembre 2018
14:00
17 condivisioni
Il luogo del delitto e Girolamo Bruzzese
Il luogo del delitto e Girolamo Bruzzese

Il pentito Girolamo Bruzzese, 55 anni, a cui due killer hanno ucciso il fratello Marcello la sera di Natale, si è presentato al comando della polizia municipale di Pesaro, chiedendo di rimanere in città. Voleva parlare con il sindaco Matteo Ricci - anticipa oggi l'edizione pesarese del Resto del Carlino - per avanzare la sua richiesta: «Vogliamo rimanere a Pesaro, non accettiamo un altro trasferimento».


Appena avvertito, il sindaco Ricci si è rifiutato di incontrare il pentito, informando immediatamente Procura e comitato per l'ordine e la sicurezza. Anche la vedova di Marcello Bruzzese avrebbe chiesto di non essere trasferita e di rimanere a Pesaro. La decisione spetta ora la Viminale, «sono scelte tecniche ad altissimo livello», aveva detto ieri il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Il sindaco di Pesaro sempre ieri ha comunque ribadito la richiesta di diminuire la presenza sul territorio di collaboratori di giustizia e delle loro famiglie, oltre che di testimoni di giustizia e di famiglie uscite dal programma di protezione.

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio