Morte sospetta della piccola Cloe Grano, tutti assolti i medici imputati

Nessun colpevole per il decesso della bimba che perse la vita a soli quattro mesi nel 2014 per una invaginazione non daignosticata in tempo 

di Salvatore Bruno
venerdì 9 novembre 2018
17:15
48 condivisioni

Non ci sono colpevoli per la morte della piccola Cloe Grano, la bimba deceduta a soli quattro mesi nell’ospedale Santobono di Napoli, in seguito ad una invaginazione non diagnosticata all’Annunziata di Cosenza. Nel pomeriggio di oggi, 9 novembre, è arrivata la sentenza del giudice per i tre imputati alla sbarra. Per i medici Gaetano Pugliese, difeso dall’avvocato Vincenzo Belvedere, e Maria Raffaella Aceti, difesa dall’avvocato Michele Piro, il pm aveva chiesto l’assoluzione, mentre per il radiologo Roberto De Rose, difeso dall’avvocato Nicola Carratelli, il rappresentante dell’accusa aveva invocato la condanna a un anno e quattro mesi. Il gup invece ha assolto tutti per non aver commesso il fatto.

 

Un calvario giudiziario durato quattro anni

Cloe ha perso la vita nel giorno di Pasquetta del 2014. Nei giorni precedenti i genitori l’avevano più volte accompagnata al pronto soccorso pediatrico dell’ospedale di Cosenza per dei disturbi intestinali e mal di pancia accusati dalla piccola, ma erano stati sempre rimandati indietro. Secondo i sanitari si trattava di una banale influenza. Solo quando il quadro clinico della bimba è degenerato si è deciso per il trasferimento a Napoli dove l’invaginazione è stata subito diagnosticata e operata, quando ormai però era troppo tardi per evitare il decesso.

 

La denuncia dei genitori e il processo

Dino Grano e la moglie Edyta, genitori della piccola Cloe, si sono allora rivolti alla magistratura, ma le perizie non hanno dimostrato il nesso di casualità tra la condotta dei medici che hanno avuto in cura la piccola e la morte. Nella prima fase delle indagini erano state già archiviate le posizioni di altri tre medici: Rosanna Camodeca, Luigi Carpino e Sofia Cristiani. Adesso la sentenza di assoluzione lascia questa morte senza colpevoli.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: