Minore stuprata a Melito, don Panizza: “Qualcosa ha iniziato a muoversi”

Il sacerdote bresciano commenta la fiaccolata semi deserta organizzata per la giovane vittima del branco e di chi ha affermato “Se l'è cercata” dice: "Non gli darei il timbro di maturità”

di Tiziana Bagnato
18 settembre 2016
12:42
Condividi

«Più che pensare a chi non è sceso in strada io penserei a chi, invece, ha pensato di accendere una luce e di andare in piazza. Io dico meno male che qualcuno ha cominciato e ha messo la faccia». Don Giacomo Panizza, presidente della Comunità Progetto Sud, intervistato da LaC interviene così sulla fiaccolata di solidarietà alla ragazzina di Melito Porto Salvo diventata per oltre due anni, a partire dai tredici, schiava sessuale di un branco di cui facevano parte anche il figlio di un boss e un minorenne.

 

Una storia quella dell'adolescente che ha attirato anche l'attenzione dei media nazionali. Specie dopo che emerso che i genitori avrebbero saputo ma avrebbero preferito tacere. In strada a Melito a cingere la ragazzina in un abbraccio virtuale c'erano pochissime persone. Uno smacco di dignità importante.

 

Chi non partecipato forse ha paura o è sotto ricatto. Sono ipotesi plausibili – ha commentato il sacerdote bresciano - chi non ha partecipato è indietro mille anni un'umanità. Chi è rimasto alla finestra a guardare ha mancato un appuntamento importante».

 

A chi ha detto “se l'è cercata”? «Forse non è ancora cresciuto abbastanza - dice Panizza - io il timbro di maturità non glie lo darei».

Tiziana Bagnato
Giornalista

Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorat...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio