Lucano: «Case inagibili a Riace? Anche tribunale e ospedale di Locri lo sono»

VIDEO | Così il sindaco sospeso nel corso di un’iniziativa pubblica a Siderno: «L’accusa che mi fa più male e che non mi fa dormire la notte è quella della concussione»

di Ilario  Balì
13 aprile 2019
20:05
192 condivisioni

«Le case ai migranti di Riace inagibili? Neanche il tribunale di Locri, l’ospedale e la caserma dei carabinieri di Riace hanno il cerificato di agibilità». Lo ha detto il sindaco sospeso di Riace Mimmo Lucano, ospite a Siderno insieme al presidente della Regione Mario Oliverio dell’evento di presentazione del libro di Ilario Ammendolia “La ‘ndrangheta come alibi”, all’indomani della notifica dell’avviso di garanzia da parte della Procura di Locri per concorso in truffa con altre nove persone. «L’accusa che mi fa più male e che non mi fa dormire la notte - ha affermato il primo cittadino “esiliato” - è quella della concussione. Sono rimasto senza parole. Chi architetta la denigrazione giudiziaria ha bisogno del supporto mediatico. E prova ne è quanto sta accadendo in questi giorni». Nel corso della sua prima uscita pubblica dopo il rinvio a giudizio nell’ambito dell’inchiesta Xenia, Lucano ha affrontato anche il tema della baraccopoli di San Ferdinando («Dove sono le autorità quando si tratta di combattere il caporalato?») e sul sequestro del parco degli asinelli: «Avevamo fatto un lavoro straordinario di riqualificazione grazie ad un contributo regionale. Adesso a Riace è tutto finito».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista

Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il s...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio