OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Il registro dei clienti e gli spacciatori che si vedevano per una “birretta” - NOMI E VIDEO

Parole d'ordine e libri mastri emergono dall'ordinanza dell'inchiesta che ha coinvolto otto persone fermate dai carabinieri in una complessa operazione che ha coinvolto i comuni di Lamezia, Serrastretta e Pianopoli

di Lo. C.
mercoledì 16 maggio 2018
12:33
10 condivisioni
La conferenza stampa presieduta dal Procuratore capo di Lamezia Salvatore Curcio
La conferenza stampa presieduta dal Procuratore capo di Lamezia Salvatore Curcio

Una complessa indagine coordinata dalla Procura di Lamezia che abbraccia un arco temporale di nove mesi e ha portato all’identificazione di otto soggetti ritenuti componenti di una rete di spaccio attiva nei comuni di Lamezia, Pianopoli e Serrastretta. L'operazione, denominata "Zona franca", condotta dai militari del Nucleo Investigativo del Gruppo e della Compagnia di Lamezia Terme, supportati dal Nucleo Elicotteri di Vibo Valentia, da personale della Compagnia di Intervento Operativo del Battaglione Calabria e da unità cinofile ha portato alla consegna di otto misure di custodia cautelare. Gli indagati, due dei quali sono stati condotti in carcere, sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di spaccio stupefacenti, detenzione, porto e utilizzo di ordigni esplosivi, detenzione illegale di armi e furto aggravato.

 

La rete di spaccio

Erano decine i tossicodipendenti che si rifornivano di marijuana e cocaina da Mario Gigliotti, detto “Faina”, che si occupava sia della consegna delle singole dosi che del coordinamento della rete di distribuzione territoriale degli stupefacenti. Ad occuparsi del mercato della marijuana erano Oguz Guzel e Pierfrancesco Nicotera, mentre lo smercio della cocaina era affidato a Giancarlo Mascaro e Luigi Gigliotti. I militari sono stati impegnati per mesi in una paziente attività di indagine fatta di intercettazioni, riascolti, servizi di appostamento e di riscontro che hanno permesso di documentare gli appuntamenti tra fornitori ed acquirenti, in cui si contrattava su prezzi e quantitativi della droga.

 

Ci vediamo per una “birretta”

L’intero traffico di stupefacenti era scandito da precise regole finalizzate ad aggirare qualsiasi tipo di controllo. Tentativi evidentemente vani di non essere intercettati dalle forze dell’ordine, che includevano anche il diffuso quanto poco efficace espediente della parola d’ordine. I membri dell’organizzazione concordavano gli appuntamenti per gestire il traffico di droga indicandolo come “birretta” e concordavano gli appuntanti con gli acquirenti per telefono.

 

A casa di uno degli indagati, Naiden Fiorenza, inoltre, è stato inoltre trovato un vero e proprio registro, nel quale venivano segnati con estrema perizia nomi, importi e appuntamenti. Sentendosi alle strette, l’uomo avrebbe inoltre incaricato il suo braccio destro, Ottavio Stranieri, di far esplodere un ordigno nei pressi della caserma dei carabinieri di Pianopoli. Pochi giorni dopo, Fiorenza, che aveva fatto perdere le sue tracce per qualche giorno allontanandosi dalla città, era finito in manette per aver sparato in strada al culmine di una lite con uno zio. L’analisi dei filmati delle telecamere di sorveglianza avevano portato, a stretto giro, all’individuazione e all’arresto del complice, Ottavio Stranieri.

Dalle conversazioni in carcere fra i due, erano emerse informazioni e dettagli sul posizionamento della bomba, sul possesso di altre armi e perfino sulla pianificazione di un omicidio per il quale era stata rubata una moto, rinvenuta dai Carabinieri.

 

LEGGI ANCHE: 

Spaccio, furto e detenzione di ordigni: otto arresti nel Lametino

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lo. C.
Giornalista

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: