Interdittiva antimafia per il ristorante della Cittadella

Il provvedimento emesso dalla Prefettura di Prato a carico della Ristorart, impresa vincitrice con la proposta Pecco

martedì 24 luglio 2018
14:09
30 condivisioni

Interdittiva antimafia. Sarebbe questo il provvedimento emesso dal Prefetto di Prato, Rosalba Scialla, a carico del Gruppo Ristorart, impresa di ristorazione, con sede in Toscana e vincitrice di una procedura di gara pubblica con la proposta “Pecco”, Piazza etica Calabria contadina, aperto al primo piano della Cittadella regionale. Le motivazioni sarebbero riconducibili a contatti e infiltrazioni delle cosche di 'ndrangheta del Crotonese. L’inaugurazione del punto ristoro avvenuta il 18 aprile scorso.  

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: