Il fuoco uccide ancora a San Ferdinando. Incendio alla nuova tendopoli: un morto

FOTO-VIDEO | Non c'è pace neppure nella nuova struttura dove i migranti sono stati trasferiti dopo lo sgombero della baraccopoli e dove oggi si è consumata l'ennesima tragedia

di Angela  Panzera
venerdì 22 marzo 2019
06:35
901 condivisioni
Un morto alla tendopoli di San Ferdinando
Un morto alla tendopoli di San Ferdinando

Si continua a morire a San Ferdinando. Stamani, poco prima delle sei, è divampato un incendio all’interno della nuova tendopoli. C’è una vittima. Si tratta di Sylla Noumo, 32 anni, originario del Senegal. Sul posto vigili del fuoco, agenti della polizia e carabinieri. Presente anche la Flai Cgil di Gioia Tauro con il segretario Rocco Borgese il quale, insieme ai sindacalisti, sta monitorando la situazione e fornendo assistenza ai migranti.

 

Meno di due settimane fa la Prefettura di Reggio Calabria attraverso le forze dell’ordine aveva smantellato la baraccopoli in cui tra il 2018 e l ‘inizio del 2019 si sono registrati vari roghi tre dei quali mortali. A San Ferdinando nella vecchia tendopoli sono morti Sekine Traoré (ucciso da un colpo di pistola esploso da un carabiniere), Becky Moses, Surawa Jaithè, Ba Moussa. Lì viveva anche Soumaila Sacko, ucciso a San Calogero mentre cercava lamiere per una baracca.

 

Dopo lo smantellamento in tutto sono quasi mille i migranti presenti nella tendopoli. Stamani quindi, l’ennesima tragedia nella piana di Gioia Tauro. Tende o baracche la dinamica è sempre uguale: si continua a morire. I migranti che per ripararsi dal freddo, o per cucinare, accendono piccoli fuochi e le fiamme che divampano.

 

 

LEGGI ANCHE:

Salvini addolorato per il rogo mortale ma «alla baraccopoli bilancio sarebbe stato più grave»

È un 32enne senegalese l’ennesima vittima dell’incendio alla tendopoli

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: