Baraccopoli, il prefetto: «Presto via anche tende. Pronti moduli abitativi»

VIDEO | Il responsabile dell'ufficio di governo annuncia la novità dopo lo sgombero di San Ferdinando. Per la bonifica dell’area necessari 500mila euro

di Angela  Panzera
venerdì 8 marzo 2019
14:35
40 condivisioni
La conferenza alla prefettura
La conferenza alla prefettura

Anche le nuove tende verranno superate. È il prefetto di Reggio Calabria Michele Bi Bari ad annunciare, in conferenza stampa, che già da lunedì insieme ai sindaci dei comuni della Piana di Gioia Tauro si lavorerà per mettere a diposizione 30 moduli abitativi. Sarà il ministero dell’Interno a concederli gratuitamente ai migranti di San Ferdinando che dopo lo smantellamento del ghetto - avviato mercoledì scorso - si trovano nella tendopoli. Al momento al campo ci sono 900 persone. Ai quasi 700 già presenti si sono aggiunti infatti, altre 200 migranti richiedenti il permesso di soggiorno per motivi umanitari e che proprio per questa ragione non hanno potuto accedere agli Sprar o ai Cas.


«Le operazioni di smantellamento della baraccopoli non sono l’esito, ma l’inizio di tutte quelle attività volte al ripristino della legalità e della dignità di quel “non luogo” e di chi al momento si trova a San Ferdinando - ha affermato il Prefetto Di Bari - ed è per questo che siamo già a lavoro per superare anche l’attendamento: questo è infatti il nostro obiettivo».


L’operazione di abbattimento - conclusa in soli due giorni - adesso vedrà la bonifica dell’area e soprattutto lo smaltimento dei cumuli e cumuli di rifiuti. Da una prima stima effettuata dal primo cittadino di San Ferdinando, Andrea Tripodi, ci vorranno oltre 500 mila euro. Gli uomini impiegati da polizia, carabinieri e guardia di finanza sono stati oltre 600. Non si è registrato nessun disordine ed infatti il questore reggino Raffaele Grassi puntualizza come non si è trattato di un’operazione militare, ma di una giusta e doverosa sicurezza.


«I rinforzi richiesti dal ministero dell’Interno - ha sottolineato il questore - a mio avviso sono stati adeguati perché si presentava un’operazione di grossa complessità e quindi era giusto impiegare il maggior numero di risorse per fronteggiare ogni situazione».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: