Il gip di Palmi ordina: «Indagate quel pentito»

Svolta dopo la querela sporta dall'ex sindaco antimafia, Aldo Alessio, contro il collaboratore di giustizia Pietro Mesiani Mazzacuva

di Agostino Pantano
31 gennaio 2018
14:58
Condividi

Non va archiviata la querela dell’ex sindaco antimafia contro il pentito di ‘ndrangheta, e la Procura deve fare ulteriori indagini sul collaboratore di giustizia Pietro Mesiani Mazzacuva.

L’ha ordinato il gip del tribunale di Palmi, Giovanna Sergi, chiamata a decidere sulla vicenda giudiziaria che vede contrapposti Aldo Alessio e la gola profonda del clan Molè. Il politico aveva querelato per diffamazione a seguito di alcune notizie di stampa che avrebbero attribuito a Mesiani Mazzacuva delle dichiarazioni, contenute nei verbali della Dda, che tratteggiavano un profilo negativo dell’ex primo cittadino di Gioia Tauro, arrivando a dipingerlo come ubbidiente servitore della cosca.

«La decisione del gip – afferma in una nota il legale di Alessio, Pino Macino – è un ulteriore passo in avanti al fine di conoscere la verità dei fatti per rendere giustizia ad un uomo che non è stato mai servizio della ‘ndrangheta e che invece con i suoi atti l’ha sempre apertamente contrastata».

Secondo Macino, infine, il Gip – opponendosi alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura – «ha lamentato l’omesso interrogatorio del collaboratore di giustizia».             

Agostino Pantano
Giornalista

Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto l...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio