Ha rifiutato di fare sesso perché incinta. Per questo Romina è stata uccisa dal marito

VIDEO | Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la 45enne di Cassano Jonio sarebbe stata barbaramente massacrata dal consorte Giovanni Di Cicco a seguito del rifiuto di avere rapporti sessuali per difendere il feto che aveva in grembo. L'uomo l'ha pestata a morte e poi è uscito tranquillamente di casa

di Marco  Lefosse
giovedì 18 aprile 2019
09:17
4974 condivisioni

Romina Iannicelli è stata uccisa perché ha rifiutato di avere un rapporto sessuale con il marito, Giovanni Di Cicco. La 45enne era incinta e non voleva mettere a rischio la gravidanza che era riuscita a mandare in porto in un’età particolare e dopo una serie di aborti. Si tinge ancor più di orrore e ribrezzo l’uxoricidio di Cassano Jonio avvenuto nella notte tra lunedì e martedì scorsi e che con il passare delle ore si completa, grazie al lavoro pervicace degli inquirenti della Procura della Repubblica di Castrovillari diretta da Eugenio Facciolla, di nuovi seppur macabri dettagli.

 

La ricostruzione dagli investigatori è inquietante. Romina era già a letto quel lunedì sera, il marito, invece, l’avrebbe raggiunta di lì a poco fatto di una bomba di cocaina, direttamente iniettata in vena, con un obiettivo: consumare un rapporto sessuale. Una volta in camera da letto l’uomo, dopo essere stato rifiutato della donna, avrebbe sbroccato. Prima un diverbio, forse; poi la violenza che si sarebbe ripetuta in più momenti ed in diversi modi. Romina è stata picchiata, strangolata, ingiuriata e poi alla fine presa anche a bastonate in testa che le sarebbero state fatali, dal momento che la morte è sopraggiunta per trauma cranico. E tutto questo per difendere con amore quella creatura che aveva in grembo e che non voleva perdere.

 

Poi, una volta compiuto l’insano gesto, Di Cicco è fuggito via cercando di far perdere le sue tracce sperando nel sostegno e nella complicità di qualche amico che, però, non ci sarebbe stata. È rimasto solo e vistosi alle strette nella morsa dei carabinieri della tenenza di Cassano si costituito e ha confessato quell’atto mostruoso che ha spezzato la vita di una donna e di suo figlio. Su quel letto, in quella casa di Via del Popolo, gli inquirenti hanno trovato di tutto: coltelli, oggetti contundenti e anche un preservativo srotolato e non consumato. Ed è da qui che i magistrati, il procuratore Facciolla e la sua vice Valentina Draetta, hanno ripreso il bandolo della matassa e ricostruito le fasi di un delitto che non si potrà mai dire sia stato di natura passionale. La passione, l’amore, l’affetto per una donna non può mai spingere all’odio mortale. È stato un gesto mostruoso e barbaro ancor più perché in quella donna si generava una nuova vita indifesa.

LEGGI ANCHE: Efferato omicidio di Cassano: il marito confessa

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Marco  Lefosse
Giornalista
Sono Marco Lefosse, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2011 e Idealista nel DNA. Appena diciottenne scrivo alcuni brevi contributi sulla nuova esperienza della giovane destra calabrese per Linea, il giornale di Fiamma Tricolore diretto da Pino Rauti, e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizio a muovere i passi nei quotidiani regionali. Il mio primo “contrattino” da collaboratore lo firmo con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 lascio il Quotidiano e accolgo con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia Cosentina di  Genevieve Makaping ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 arriva il primo vero contratto giornalistico con Calabria Ora. Un’esperienza bellissima che ha forgiato e ben temperato la mia penna. Con onore ho lavorato, ininterrottamente fino al fallimento di questo splendido progetto editoriale nel 2014, per raccontare sempre e a tutti i costi le verità della mia città e del territorio. Parallelamente all’esperienza di Calabria Ora, nel 2011, il neo Sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, mi vuole come consulente nello staff dei collaboratori di fiducia. Nel luglio  del 2013, insieme alla collega Giusj De Luca (oggi anche mia splendida compagna di vita), fondo la CMP Agency, una giovane realtà di consulenza per la comunicazione ed il marketing. E nel gennaio 2014 proprio alla CMP è affidato il servizio di Ufficio stampa e Comunicazione istituzionale del Comune di Rossano. Ad Ottobre dello stesso anno, come consulente, seguo la campagna elettorale regionale del candidato Giuseppe Graziano. Dal 2014, chiusa la lunga parentesi dell’informazione con Calabria Ora, insieme alla nuova realtà di CMP Agency mi occupo esclusivamente di comunicazione istituzionale/commerciale e di marketing. Da Aprile 2018 fa parte della meravigliosa famiglia di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese e della neonata Corigliano-Rossano terza città della Calabria.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream