Riace, indagato il candidato a sindaco “benedetto” da Lucano

La Procura di Locri ha notificato altri avvisi di garanzia. Tra i destinatari anche Maria Spanò, in corsa per la poltrona di primo cittadino

di Ilario  Balì
domenica 19 maggio 2019
12:32
472 condivisioni
Riace
Riace

Rilascio di carte d’identità a stranieri privi di requisiti attraverso false attestazioni. Una nuova tegola si abbatte su Riace. La Procura di Locri ha infatti notificato altri tre avvisi di garanzia nell’ambito dell’indagine Xenia, l’inchiesta che ha travolto i progetti di accoglienza e rinviato a giudizio l’ex sindaco Mimmo Lucano, attualmente sospeso, insieme ad altre 26 persone. Tra gli indagati del nuovo filone spicca il nome di Maria Spanò, candidata a sindaco alle elezioni comunali del prossimo 26 maggio nella lista a trazione “lucanista”. La sua posizione era stata stralciata nel corso dell’udienza preliminare una volta accertato, su richiesta del suo legale, un difetto di notifica. Gli atti dunque sono tornati al pm Michele Permunian che nei giorni scorso ha emesso un nuovo avviso di conclusione indagini.


L’ipotesi di reato per Spanò, già assessore comunale nella giunta Lucano, è falso ideologico in concorso con l’ex primo cittadino «perché con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, in qualità di pubblici ufficiali, rilasciavano carte d’identità a soggetti stranieri privi dei previsti requisiti, attestando falsamente che fossero residenti a Riace e muniti del permesso di soggiorno». Gli altri due indagati, Annamaria Maiolo e Valentina Micelotta, sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere, abuso d’ufficio, truffa e peculato, in concorso con altri soggetti già rinviati a giudizio lo scorso aprile. Nei prossimi  giorni gli indagati saranno sottoposti ad interrogatorio.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream