Tortora, il consigliere: «Le carte contro l'erosione costiera dormono in Regione»

VIDEO | Secondo Biagio Praino, il sindaco Pasquale Lamboglia avrebbe presentato già nel novembre 2017 un progetto per la realizzazione delle barriere soffolte ma la richiesta è rimasta inascoltata

di Francesca  Lagatta
sabato 1 dicembre 2018
14:24
61 condivisioni

All'indomani della terribile mareggiata che ha investito le coste tirreniche cosentine, a Tortora, dove si registrano i danni più gravi, è tempo di tirare le somme, che pongono davanti a un problema allarmante. Il consigliere comunale tortorese Biagio Praino non ci gira attorno e va dritto al punto: «Se l'erosione costiera continua ad aggredire così le nostre coste, sarà un disastro. Non si può più lavorare né accogliere gente, sono rimasti cinque metri di spiaggia e nessuno fa niente».

A dire il vero le amministrazioni locali si sono messe da tempo, pare da 25 anni a questa parte, ma inutilmente. L'amministrazione attuale guidata da Pasquale Lamboglia ha posto il problema ripetutamente negli ultimi 18 mesi, ma i progetti presentati per arginare il fenomeno sono stati finanziati in parte ed evidentemente in modo insufficiente.

Le barriere soffolte

Da tempo, grazie anche all'intervento degli imprenditori balneari del posto, di cui Praino è rappresentante, era maturata l'idea di costruire le barriere soffolte, ossia “le strutture modulari in cemento armato, posate e accostate sul fondale marino, lungo una linea continua, parallela al litorale e a distanza di almeno cento metri da esso, allo scopo di dissipare l’energia del moto ondoso, favorire lo scorrimento della sabbia verso la riva e contrastarne il ritorno, in modo da limitare l'erosione delle coste”.

Il progetto è stato presentato, nero su bianco, anche alle istituzioni regionali, nel novembre 2017, ma ad oggi non esiste ufficialmente una risposta in merito.

L'indifferenza della Regione Calabria

Stante a quanto riferisce il consigliere comunale, «le carte dormono sui tavoli degli uffici della Regione Calabria» senza che nessuno le abbia ancora prese in considerazione.

«Adesso basta dormire - dice ancora Praino - ora dobbiamo intervenire immediatamente o saremo costretti a immobilizzare il paese. Qui si vive di turismo e non possiamo fare a meno di proteggere le nostre spiagge».

L'appello disperato

Praino, in ultimo, rivolge un accorato appello al Presidente della Regione Mario Oliverio: «Intervenite subito, prima che sia troppo tardi». E agli aspiranti consiglieri regionali che in questi giorni hanno cominciato il via vai lungo la costa tirrenica per la campagna elettorale, lancia un messaggio inequivocabile: «Fermatevi, venite qui a vedere le nostre condizioni e aiutateci ad affrontare questa emergenza, è inutile che venite solo a chiedere voti».

Illazioni respinte

A chi fa notare un presunto abuso edilizio, oltre che l'erosione costiera, Praino risponde così: «Quando sono state costruite queste abitazioni, per lo più negli anni '80, il mare era distante almeno 300 metri. Dove ora c'è la spiaggia, prima c'era una vasta pineta. Il problema è il mare che avanza a forte velocità, non ce ne sono altri».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: