Nella piana di Gioia Tauro è già emergenza migranti, viaggio nel nuovo ghetto nero

VIDEO | Lo scorso marzo l'abbattimento della baraccopoli della vergogna, ma in sette mesi nessun progetto è stato previsto per il problema abitativo e dell'accoglienza degli stagionali africani. Abbiamo visitato il nuovo campo di contrada Russo di Taurianova dove dalle prime luci dell'alba gli imprenditori agricoli vanno a cercare manodopera a basso costo

di Francesco Altomonte
18 ottobre 2019
15:08
121 condivisioni

C’è un viavai continuo di italiani fin dalle prime ore del mattino nel nuovo ghetto dei migranti nella piana di Gioia Tauro. A contrada Russo, nel comune di Taurianova, i piccoli proprietari contrattano a buon mercato mani a basso costo per i lavori nei campi. È una sorta di centro per l’impiego “fai da te”, senza regole e o obblighi di contratti.

 

Le immagini delle ruspe che abbattevano il ghetto della vergogna a San Ferdinando, lo scorso marzo, avevano fatto il giro del mondo. Sembrava l’alba di una nuova stagione. E invece la quotidianità dei migranti continua ad essere quella di sempre. La baraccopoli non esiste più, ma i nuovi ghetti sono già nati pronti a essere invasi per la nuova stagione di raccolta, a inghiottire esistenze e dignità.

 

Siamo andati a visitare un nuovo ghetto. È in aperta campagna, la situazione è già tragica: circa 200 immigrati subsahariani sopravvivono in condizioni disumane: senza acqua né luce, montagne di spazzatura che circondano il campo e le galline che razzolano tra i rifiuti.   Il paradosso è che a sette mesi dall’abbattimento, quasi si rimpiange la baraccopoli di San Ferdinando. Le migliaia di migranti che si apprestano a arrivare nella piana per la stagione della raccolta degli agrumi, fino allo scorso anno erano concentrati nell’area industriale sanferdinandese: lì trovavano un riparo, potevano essere aiutati e controllati dalle forze di polizia.  

 

Quest’anno la situazione, invece, è già fuori controllo e non si è intravede una strategia all’orizzonte. Accampamenti sparsi nelle campagne del territorio, lontani dalle città, completamente isolati e senza servizi aumenteranno degrado ed emarginazione.

Una tragedia aggravata dal decreto sicurezza che ha trasformato tutti i richiedenti asilo in irregolari, in fantasmi senza documenti. E senza una carta d’identità non si può aprire un conto, né affittare una casa e lavorare. Nascono ghetti senza controllo, una manna per il lavoro nero e lo sfruttamento.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesco Altomonte
Giornalista

Francesco Altomonte è un giornalista attratto dal lato oscuro dell'animo umano. La cronaca nera è la sua passione, per questo motivo è ritornato a vivere in Calabria dopo 12 an...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio