Rifiuti messi a marcire sotto il sole dalla ditta che dovrebbe eliminarli

VIDEO | Nell’indifferenza del Comune di Vibo l’impresa appaltatrice ha allestito a Portosalvo un’area senza autorizzazioni dove “parcheggia” l’immondizia in grandi cassoni dai quali fuoriesce il percolato

di Enrico De Girolamo
mercoledì 8 agosto 2018
16:54
39 condivisioni
L’immondizia parcheggiata nell’area senza autorizzazioni
L’immondizia parcheggiata nell’area senza autorizzazioni

Caldo asfissiante e rifiuti. Un mix esplosivo che a Vibo Marina, frazione marinara della città capoluogo di provincia, viene innescato quasi ogni giorno. Ad ammorbare l’aria e a mettere a rischio l’ambiente non c’è solo la lunga teoria di spazzatura abbandonata lungo le strade più periferiche, ma anche una sorta di discarica abusiva allestita in un’area recintata di Portosalvo dalla stessa ditta, la Dusty, che gestisce la raccolta sul territorio comunale.

 


L’odore insopportabile dei rifiuti che marciscono al sole si spande per diverse centinaia di metri intorno alla piazzola dove sono presenti enormi cassoni nei quali viene ammassata l’immondizia in attesa che venga portata in discarica. Nelle intenzioni inziali, l’area - concessa dal Nucleo industriale - doveva diventare un’isola ecologica dove i cittadini avrebbero potuto portare la differenziata fuori dagli orari della raccolta porta a porta.

 

Nei fatti, invece, è diventato un "parcheggio" abusivo per rifiuti, perché mancano le autorizzazioni. Insetti, topi e gabbiani sono di casa tra i cassoni zeppi di rifiuti putrescenti, mentre il percolato si spande sul piazzale per poi infiltrarsi nel sottosuolo. Una bomba ecologica a pochi metri dal litorale e dal mare turchese della Costa degli Dei. Qualcosa forse di molto più grave di quanto già riscontrato dai carabinieri del Nucleo operativo di Reggio Calabria, che ieri, insieme ai colleghi di Vibo, hanno posto sotto sequestro l’isola ecologica di Via Pellicano, in pieno centro cittadino.

 

Intanto, colpisce il silenzio del Comune, che sembra non esercitare un adeguato controllo sulla regolarità del servizio fornito dalla Dusty, che si è aggiudicata l’appalto di 10 milioni di euro in 3 anni, dal 2017 al 2019. Un’indulgenza che affonderebbe le radici in un possibile conflitto d’interessi all’interno dell’Amministrazione comunale. Il funzionario del settore Ambiente che ha il compito di vigilare sull’attività della ditta appaltatrice, infatti, è fratello di un dirigente della ditta appaltatrice. Un corto circuito tra controllori e controllati che, anche secondo fonti sindacali, sarebbe una delle cause della scarsa reattività del Comune di Vibo verso le inefficienze del servizio.

 

 

Enrico De Girolamo

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream