Sanità, Oliverio chiama a raccolta i sindaci contro il Decreto Calabria

Il governatore promette battaglia anche con il nuovo governo: «Non lo accetterò mai. Non ci saranno bandiere di partito a fermarmi»

3 settembre 2019
18:37
37 condivisioni
Mario Oliverio
Mario Oliverio

«Sul cosiddetto 'Decreto Calabria' vi propongo di far partire una forte richiesta, un forte allarme, perché la situazione è davvero drammatica. E se questo non servirà, allora propongo una mobilitazione con i sindaci insieme alla Regione. Perché dobbiamo guardare agli interessi della Calabria».
Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, nel corso di un incontro a Catanzaro con i sindaci della regione.
«Dico questo - ha aggiunto Oliverio - perché stanno sorgendo tutti i limiti che il commissariamento della Sanità calabrese e soprattutto questo decreto stanno provocando. Quello che è avvenuto con il Decreto sanità, il cosiddetto 'salva Calabria', è un atto grave. Mi sono presentato anche nella Commissione attinente per battermi contro questa scelta scellerata. Sono state compiute scelte che non hanno nulla a che vedere con la salvezza della sanità calabrese. Non è stato assunto nessun provvedimento per quanto riguarda lo sblocco delle assunzioni di personale medico e paramedico e non c'è alcun provvedimento riguardo gli investimenti».

 

L’avversione di Oliverio nei confronti della normativa che ha ridotto i poteri delle Regioni alle prese con un piano per il rientro dal debito nel settore della sanità, non è certo una novità, tanto che è già stato impugnato dinnanzi alla Corte costituzionale. Un aspetto, quello dell’aderenza della nuova legge al dettame costituzionale, che il governatore ha rimarcato.
«C'è una norma – ha continuato - che toglie il potere di nomina dei direttori generali delle Aziende sanitarie alla Regione e lo riporta al Governo. E per salvare la faccia sotto l'aspetto della Costituzionalità nel Decreto hanno inserito il passaggio, a proposito della nomina dei dg, 'il Governo d'intesa con la Regione'. Oggi siamo nella situazione in cui le aziende sanitarie, dopo oltre tre mesi, poiché non si sono messi d'accordo sui nomi, sono prive di direttori generali. È una vergogna, è una situazione inaccettabile».

 

Da qui l’appello a tutti i sindaci, affinché lo affianchino nella protesta.
«Mi auguro che il nuovo Governo, se si farà un governo giallorosso - ha concluso - revochi immediatamente questo decreto ed appronti norme che vadano nel senso opposto a quelle imposte dal Governo gialloverde su proposta del Ministro della Sanità uscente che ha determinato una condizione di disastro. Mi assumo la responsabilità di ciò che ho appena detto. Se ciò non dovesse avvenire, ci sarà un secondo tempo che la Calabria ed io in prima persona non accetterò mai. Non ci saranno bandiere di partito a fermarmi su questo punto».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio