Corte dei Conti: chieste tre condanne per la Tangenziale Est di Vibo

La Procura contabile ha anche avanzato quattro assoluzioni, fra cui pure quella per gli ex presidenti Bruni e De Nisi

di G. B.
11 ottobre 2017
09:53
Condividi
Corte dei Conti
Corte dei Conti

Avrebbero provocato un danno erariale alla Provincia di Vibo per un totale di 7,5 milioni di euro in relazione alla costruzione della Tangenziale Est di Vibo Valentia. Cifra che per la Procura della Corte dei Conti va ripartita in solido fra: Francesco Giuseppe Teti, dipendente della Provincia di Vibo ed anche lui tecnico incaricato della realizzazione dei progetti della Tangenziale e responsabile del procedimento; Gianfranco Comito, all’epoca dei fatti dirigente della Provincia, all’epoca dei fatti tecnico incaricato della redazione dei progetti della Tangenziale; Leoluca Greco, dipendente della Provincia ed assistente di cantiere, nonché direttore dei lavori per la messa in sicurezza della collina sovrastante la strada e soggetto che ha certificato l’ultimazione delle opere.

Le richieste di assoluzione

Per via della c.d. “scriminante politica”, la Procura contabile ha chiesto l’assoluzione per gli ex presidenti della Provincia di Vibo, Gaetano Bruni e Francesco De Nisi, che avrebbero omesso - secondo l’iniziale ipotesi accusatoria - di denunciare alle autorità i pericoli verificatesi nel corso dei lavori; Maria Giovanna Conocchiella, dipendente della Provincia ed anche lei incaricata della redazione dei progetti della Tangenziale; Marcello De Vita, dipendente della Provincia e responsabile del procedimento relativo alla costruzione della Tangenziale.

L’inchiesta

All’inchiesta lo scorso anno ha partecipato ancheil Genio militare del decimo “Reparto Infrastrutture” dell’Esercito italiano che ha provveduto, proprio su delega della Sezione giurisdizionale calabrese della Corte dei Conti, ad acquisire nella sede di palazzo “Bitonto” della Provincia di Vibo Valentia una copiosa documentazione inerente la Tangenziale Est, l’opera pubblica che ha sventrato un’intera collina sotto il castello Svevo Normanno e che, nelle intenzioni, avrebbe dovuto collegare la provinciale per Stefanaconi al bivio di Sant’Onofrio  poi alla provinciale per il bivio dell’A3. Un’opera sequestrata dalla Procura di Vibo per pericoli di crolli e per accertare responsabilità penali, mentre parallelamente la Procura della Corte dei Conti ha aperto un procedimento contabile per danno erariale. In tale contesto, il Genio militare è stato nominato dalla Sezione giurisdizionale contabile quale Ctu ed in tale veste è avvenuta l’acquisizione di diversa documentazione inerente le opere di completamento della Tangenziale Est, il progetto di variante ed i progetti per la messa in sicurezza.

 

g.b.

G. B.
Giornalista

Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007.


Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria...

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio