Coronavirus: gli avvocati di Crotone chiedono la sospensione delle udienze

Aule prive di areazione naturale, assembramenti di decine di persone e avvocati e testimoni provenienti da altre regioni italiane alla base della richiesta

di Redazione
4 marzo 2020
13:09
Condividi

Al fine di prevenire la diffusione del coronavirus, la Camera penale di Crotone ha chiesto al presidente del Tribunale di sospendere le udienze almeno per venti giorni, fatta eccezione per i processi con detenuti e con misure cautelari in atto.


La motivazione è data dal fatto che diverse aule del palazzo di giustizia crotonese nelle quali si celebrano le udienze penali «sono prive di areazione naturale – spiega in una nota il presidente della Camera penale Aldo Truncé – e pur volendo disporre un accesso con turn over (già preordinato da qualche giudice della sezione penale), si è constatato che in media risultano presenti non meno di 15-20 persone per aula nelle fasce mattutine, con picchi di 35-40 persone nei giorni in cui le udienze sono più affollate». Senza contare «l’assembramento nei corridoi di avvocati, parti processuali e testimoni in attesa della chiamata del proprio processo».


La Camera penale ricorda, inoltre, che molti avvocati «per motivi professionali continuano a spostarsi nelle varie regioni d’Italia (nessuna delle quali è esente da casi accertati di contagio, non potendosi più individuare dei focolai localizzati in zone circoscritte) e che numerosi testimoni provengono da fuori regione».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio