Comune di Tropea di nuovo commissariato per mafia

Il Consiglio di Stato sospende l’efficacia della sentenza del Tar Lazio e accoglie il ricorso del Viminale e della Prefettura di Vibo : “Gravi elementi confermativi di infiltrazioni mafiose”

di Giuseppe Baglivo
giovedì 21 settembre 2017
23:22
Condividi

La terza sezione del Consiglio di Stato ha sospeso l’esecutività della sentenza con la quale il Tar del Lazio aveva annullato il decreto di scioglimento degli organi elettivi del Comune di Tropea per infiltrazioni mafiose deciso il 12 agosto 2016 con apposito decreto presidenziale sulla scorta di una relazione redatta dalla Commissione di accesso agli atti (composta dal viceprefetto Lucia Iannuzzi, dall'allora comandante della Compagnia dei carabinieri di Tropea Francesco Manzone e dal capitano della Guardia di finanza Giovanni Torino), dalla Prefettura di Vibo Valentia e dal Ministero dell’Interno. 

 

I giudici amministrativi di secondo grado hanno infatti accolto l’appello cautelare del Ministero dell’Interno e della Prefettura di Vibo ripristinando la terna commissariale antimafia al posto degli organi elettivi. Ciò vuol dire che il sindaco di Tropea, Giuseppe Rodolico, e tutta la sua Giunta – oltre che all’intero Consiglio comunale, sono cessati dalle loro funzioni e l’ente ritorna il mano ai commissari antimafia. Il tutto sino alla trattazione di merito del ricorso del Ministero dell’Interno e della Prefettura avverso la sentenza del Tar Lazio. Ma le speranze che nel merito il Consiglio di Stato decida di ripristinare gli organi elettivi del Comune di Tropea, e confermare la sentenza del Tar Lazio che annullava il decreto di scioglimento degli organi elettivi dell’ente, sono ridotte al lumicino. Per non dire quasi nulle. Questo perché le motivazioni con le quali il Consiglio di Stato ha accolto l’appello cautelare del Viminale e della Prefettura di Vibo sono quanto mai significative e dure: il Tar Lazio ha sbagliato nella valutazione di quasi tutti gli elementi a sostegno dello scioglimento. Ecco perché.

 

I motivi dell’ordinanza del Consiglio di Stato. I giudici amministrativi spiegano che la decisione viene presa “a difesa della cittadinanza di Tropea ripristinando la legalità in tutti i settori”. Far restarein piedi l’amministrazione Rodolico ed il Consiglio comunale attuale, per il Consiglio di Stato – pur in attesa della trattazione del merito del ricorso – costituirebbe danno “grave ed irreparabile, poiché ogni proseguimento dell’attività di governo della città da parte di una amministrazione locale disciolta sulla base di elementi valutati in questa sede cautelare ben articolati e motivati, determinerebbe un pregiudizio al bene comune della trasparenza, imparzialità e buon andamento, a presidio del quale la Presidenza della Repubblica e il Governo devono porsi in ogni sede”.

 


Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giuseppe Baglivo
Giornalista
Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007. Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria Ora per la redazione di Vibo Valentia dal settembre 2007 ad ottobre 2009. Nello stesso periodo per il quotidiano Calabria Ora ha realizzato molteplici inchieste riguardanti l’intero territorio regionale. Da agosto 2010 ad oggi è collaboratore della Gazzetta del Sud, redazione di Vibo Valentia, con competenza in tutti i settori (sport escluso). Dal gennaio 2013 è corrispondente unico dell’Agi (Agenzia giornalistica Italia) per Vibo Valentia e provincia. Dal novembre 2015 al 29 dicembre 2016 è stato redattore e responsabile della cronaca nera e giudiziaria del quotidiano online calabrese Zoom24.it, giornale web che ha contribuito a far nascere. Nel gennaio 2011 dalla Fondazione dedicata a Giuseppe, “Pippo”, Fava (il giornalista ucciso da Cosa Nostra il 5 gennaio 1984) ha ricevuto a Catania il Premio Nazionale “Giuseppe Fava” conferito ai giornalisti “particolarmente impegnati nella battaglia contro le mafie”. Specializzato in cronaca giudiziaria, nera e giornalismo d’inchiesta, ha seguito i più importanti processi contro la ‘ndrangheta, la corruzione nella pubblica amministrazione e la malasanità celebrati negli ultimi dieci anni in Calabria. Alcune sue inchieste giornalistiche hanno portato al commissariamento di diversi Comuni del Vibonese per infiltrazioni mafiose.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: