L’ascensore dell’ospedale è guasto: tre ore per arrivare in Rianimazione, poi muore

Tragico epilogo per un anziano malato di cuore protagonista di un’odissea nel nosocomio di Locri. Il sindaco Calabrese: «Rabbia e indignazione». Il senatore Siclari (Fi) prepara interrogazione parlamentare

di Ilario  Balì
sabato 12 gennaio 2019
19:45
816 condivisioni

Non ce l’ha fatta Bruno Monteleone. Lo sfortunato protagonista di un’odissea all’ospedale di Locri nella giornata di oggi, è morto pomeriggio nel reparto di Rianimazione, dove è giunto dopo tre ore a causa di un guasto all’ascensore, l’unico da molto tempo al servizio di cinque reparti.
Secondo quanto si è appreso, le condizioni del paziente, ultrasettantenne, ricoverato in Cardiologia al quinto piano, sono apparse subito serie. Nonostante ciò non si è potuto tempestivamente trasferire di reparto.

 

La situazione disperata ha mobilitato anche carabinieri e Vigili del fuoco. I ritardi e le carenze strutturali da tempo note e denunciate hanno fatto il resto, con relativa coda polemica. «Non ci sono parole – ha attacco il sindaco di Locri Giovanni Calabrese su Facebook -, solo tristezza, rabbia e indignazione. Quanto accaduto oggi è veramente, disdicevole, surreale e meritevole di riflessione da parte di tutti».
Intanto il senatore di Forza Italia Marco Siclari ha annunciato di voler presentare un’interrogazione parlamentare sul caso al Ministro Giulia Grillo. «Questo – si legge in una nota - è il risultato del commissariamento della nostra regione! Ho chiesto al Ministro di mettere la parola fine al commissariamento che dura da 12 anni e che ha provocato un aumento del numero di cittadini che si curano fuori pari al triplo rispetto alla media nazionale».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: