Torna in libertà il sindaco di Palizzi Walter Arturo Scerbo

VIDEO | Coinvolto nell'operazione “Affare comune”, l'amministratore si trovava agli arresti domiciliari. Per il Tribunale delle libertà sarebbero venute meno le esigenze cautelari

di Redazione
venerdì 27 luglio 2018
20:23
1 condivisioni

Torna il libertà il sindaco di Palizzi Walter Arturo Scerbo. Lo ha deciso il tribunale della libertà di Reggio Calabria, presieduto da Silvia Capone, che ha accolto l'istanza dei difensori e ha revocato gli arresti domiciliari per l'ex primo cittadino coinvolto nell'inchiesta della procura di Locri denominata "Affare comune". Scerbo era stato arrestato dai Carabinieri il 5 luglio scorso in quanto accusato insieme ad altre tre persone, fra cui due ex consiglieri comunali. I tre amministratori pubblici, stando all'inchiesta, avrebbero ripetutamente attinto alle casse del Comune emettendo mandati di pagamento per rimborsi spese gonfiati a proprio favore o per liquidare a terzi prestazioni mai eseguite  o per prestazioni diverse da quelle per cui i fondi erano stanziati.

 

Per gli inquirenti il danno procurato all’Amministrazione comunale è di circa 340mila euro. Oltre a Scerbo ai domiciliari finirono gli ex consigliere di maggioranza Antonino Proietto e Davide Palermiti. In carcere invece, finì il 40enne Luigi Palumbo di Brancaleone, titolare del bar/ricevitoria “Plaza” di Palizzi; tutti sono ritenuti responsabili, a vario titolo - con la complicità di altre 21 persone - della sottrazione di ingenti somme di danaro per il tramite delle casse comunali palizzesi. Per gli inqurenti sarebbero stati sottratti e distratti i fondi dell’Unione Europea destinati al progetto “Life Caretta”, di cui il Comune di Palizzi è stato capofila, nonché quelli relativi all'accoglienza dei migranti.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: