Caso Bergamini, l'indagine si allarga: attenzione della Procura su altre due persone

VIDEO | L'accusa dimostrò che il giovane calciatore non morì suicida ma venne adagiato sotto un mezzo pesante ormai senza vita. Si sta tentando di dare ai soggetti coinvolti un nome e un volto. Potrebbero essere presto iscritti sul registro degli indagati

di Salvatore Bruno
25 giugno 2019
09:25
715 condivisioni
Donata con la foto del fratello Denis Bergamini
Donata con la foto del fratello Denis Bergamini

Ci sarebbero altre due persone destinate ad essere iscritte nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Denis Bergamini. La notizia filtra dalle stanze della Procura di Castrovillari, dove si lavora per mettere insieme tutte le tessere di un puzzle complicato e sbiadito dal tempo. Da quando Eugenio Facciolla ha ottenuto la riapertura del caso, sono state ascoltate oltre 250 persone informate sui fatti per raccogliere dichiarazioni utili a ricostruire il contesto in cui il 18 novembre 1989, è maturato il decesso del calciatore. Tra queste anche la testimonianza dell'allenatore del Cosenza di quella stagione, Gigi Simoni, 80 anni, colpito da un malore il 22 giugno scorso, ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Cisanello di Pisa.

L'autopsia e l'incidente probatorio

La riesumazione del corpo di Bergamini disposta per eseguire una nuova autopsia effettuata nel luglio 2017, ha consentito di arrivare nel novembre dello stesso anno all'incidente probatorio, in cui l'accusa è riuscita a dimostrare che il giovane centrocampista rossoblù, non morì suicida sotto le ruote di un camion in transito lungo la Statale 106, a Roseto Capo Spulico. Fu invece adagiato sotto il mezzo pesante, secondo i periti, quando era già morto o in fin di vita, soffocato forse con un sacchetto di plastica. L'attenzione della Procura sarebbe adesso focalizzata proprio sugli esecutori materiali del delitto, due soggetti ai quali dovrebbe essere dato presto un nome e un volto. Al momento, sono tre le persone indagate nella vicenda. Si tratta di Isabella Internò, ex fidanzata di Bergamini, accusata di omicidio volontario aggravato dai motivi futili e abbietti, dell'autista del camion Raffaele Pisano e del marito della Internò, Luciano Conte, accusato di favoreggiamento personale.

LEGGI ANCHE: 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio