Vibo Valentia e quella raccolta differenziata che non funziona

VIDEO | La raccolta nella città ipponiana continua a essere un problema. L’esecutivo Limardo sta ancora studiando “la pratica”

di Agostino Pantano
13 luglio 2019
12:13
43 condivisioni
Bidoni della Dusty
Bidoni della Dusty

In Calabria i rifiuti si smaltiscono a singhiozzo anche quest’estate, ma a Vibo Valentia ad andare in tilt puntualmente è la raccolta differenziata. La Dusty, la società siciliana che è in scadenza di contratto, è stata nuovamente multata dal Comune, e i ritardi nella raccolta giornaliera sono sotto gli occhi di tutti. A Vibo Marina, addirittura, un gelataio arriva ad una provocazione: visto che chi raccoglie non intende modificare il programma settimanale, non tenendo conto cioè che con l’arrivo della stagione turistica gli abitanti si moltiplicano, si crea il rischio di dover mantenere i rifiuti dentro i laboratori, in luoghi dove l’igiene dovrebbe essere massima.

 

Sul tema del futuro appalto, l’assessore Vincenzo Bruni è ancora abbottonato. L’esecutivo Limardo sta ancora studiando “la pratica” e non è sicuro che vi sarà lo sdoppiamento dei servizi spazzamento strade e raccolta porta a porta. Infatti, i cittadini si lamentano soprattutto di questo degrado per le vie – anche centrali, anche quelle che dovrebbero essere il biglietto da visita per una città che ha una potenziale dimensione turistica - certamente causato dalla malsana pratica del “lancio del sacchetto” in strada, che però è aggravato dal fatto che i netturbini poi non puliscono.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Agostino Pantano
Giornalista
Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.   Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.   È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio