Scuole sicure, il 50% degli edifici non è stato collaudato

La Regione non possiede inoltre un quadro preciso del numero delle strutture scolastiche. Nel vicino 2015 per il ministero della Pubblica Istruzione risultava dotata di un solo edificio

di Luana  Costa
giovedì 13 settembre 2018
14:23
13 condivisioni

Getta un'ombra lunga e sinistra sulla sicurezza degli istituti scolastici regionali, a ormai pochi giorni dal suono della prima campanella, la consapevolezza che gli enti regionali e statali non dispongano ancora di una mappatura precisa e aggiornata sul numero di edifici frequentati annualmente da studenti e docenti. Un deciso ma non definitivo passo in avanti, teso a colmare la grave lacuna, è stato compiuto negli ultimi tre anni. Nel 2015, ad esempio, per il ministero della Pubblica Istruzione la Calabria risultava incredibilmente dotata di un solo edificio, tanti erano infatti i dati di cui Roma disponeva sulla geografia scolastica calabrese. L'unico istituto censito figurava nel software ministeriale che negli ultimi tre anni si è arricchito di nuove informazioni senza tuttavia raggiungere un quadro completo e preciso.


L'aggiornamento del database è andato via via arricchendosi fornendo informazioni più dettagliate sulla tipologia costruttiva e sulle condizioni statiche, eliminando via via gli edifici, oltre mille, che nel corso degli anni sono stati dismessi e che oggi non ospitano più attività scolastiche. Le verifiche avviate nel frattempo dalla Regione sono riuscite a certificare a luglio di questo anno la presenza di 2.262 istituti scolastici ma gli accertamenti non sono ancora conclusi e si stanno focalizzando su una restante quota: 101 per l'esattezza.


Sulla base di queste premesse, non stupisce che la Calabria navighi ancora a vista sull'adeguamento sismico dei propri edifici scolastici di cui non si è in nessun modo in grado di garantire l'assoluta sicurezza. Ad esempio, solo il 50% degli istituti scolastici censiti è stato sottoposto ad un collaudo statico, accertamenti che essendo realizzati da un ente terzo, nella maggior parte dei casi da una ditta privata, non rappresentano di per sè alcuna garanzia. Ci si trova così di fronte alla paradossale situazione di possedere edifici sottoposti a collaudi statici ma di cui non si conosce il reale livello di sicurezza mentre ve ne sono altri che, seppur non essendo stati collaudati, potrebbero in linea di massima resistere alle sollecitazioni prodotte da un'eventuale scossa di terremoto. Insomma, la documentazione c'è benchè sommaria e frammentaria ma completamente inattendibile poichè nessun controllo nel corso degli anni è stato attuato per verificarne la reale aderenza alle normative antisismiche.


E non migliora ancora la situazione se gli edifici scolastici vengono passati sotto la lente dell'ottenimento del certificato di agibilità. In questo caso la soglia di edifici "a norma" si abbassa considerevolmente fino a raggiungere il 35% del totale. La certificazione viene infatti rilasciata solo alle strutture che siano state sottoposte a collaudo statico e che siano risultate conformi alle verifiche antincendio e al parere dell'Asp che analizza la salubrità degli ambienti.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: