Nuovo depuratore a Catanzaro, alla ricerca di nuove risorse pubbliche

Dopo la revoca dell'aggiudicazione provvisoria mancano all'appello i fondi garantiti dagli investimenti delle società private. La Regione avrebbe fornito rassicurazioni sulla disponibilità ad elargire 14 milioni di euro

di Luana  Costa
1 ottobre 2018
10:55
6 condivisioni

Il Comune di Catanzaro tira dritto. La notifica dell'impugnativa della revoca dell'aggiudicazione provvisoria per la costruzione del nuovo impianto di depurazione non ha sortito grossi effetti. Negli uffici del settore Gestione del Territorio si sta infatti lavorando alla predisposizione di una nuova gara d'appalto pur nell'incertezza della presenza della totalità delle risorse finora in parte garantire dall'apporto privato. La prima gara per la realizzazione del nuovo impianto depurativo, che dovrebber sorgere a Germaneto, è stata infatti espletata con il sistema del project financting. La metà delle risorse utili alla costruzione dell'opera erano state garantite da un investimento privato del valore di quattordici milioni che sarebbero andate ad integrare i fondi pubblici, di provenienza regionale, di uguale importo.

 

La decisione di Palazzo De Nobili di procedere alla revoca dell'aggiudicazione provvisoria ha sì avuto l'effetto di sbrogliare una matassa amministrativa che stava generando un'impasse ma ha precipitato il Comune in una condizione di impossibilità a realizzare l'opera se non con il diretto apporto di un nuovo finanziamento regionale del valore almeno di quattordici milioni per supplire all'investimento privato.

 

Pare che dalla Cittadella regionale siano arrivate rassicurazioni in tal senso e sulla scorta di tali garanzie, il Comune si sia dapprima determinato a revocare l'aggiudicazione provvisoria dell'appalto ai privati e poi a predisporre un nuovo bando di gara scorporando però le due attività da svolgere. Due procedure distinte, la prima finalizzata alla costruzione del nuovo impianto di depurazione verso cui aveva mostrato interesse la ditta reggina Cisaf e la seconda per la realizzazione delle reti fognarie, di cui gran parte della città è attualmente sprovvista, che sarebbero dovute essere affidate alle catanzaresi Ro.Gu Costruzioni, alla Scutieri Costruzioni, alla Concolino Costruzioni e alla ditta Sandro Greco.

 

Luana Costa

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista

Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio