Locri, l’Arpacal rassicura: «La schiuma in mare è solo mucillagine»

L’agenzia regionale per l’ambiente ha diffuso gli esiti delle analisi condotte su campioni raccolti dalla Guardia costiera escludendo forme di inquinamento biologico

di Redazione
martedì 10 luglio 2018
15:31
104 condivisioni
La chiazza oggetto di analisi da parte di Arpacal
La chiazza oggetto di analisi da parte di Arpacal

«La chiazza schiumosa di colore biancastro e marrone galleggiante nello specchio acqueo antistante gli stabilimenti balneari "La Capannina" e “La Playa” nel comune di Locri, in provincia di Reggio Calabria, che aveva allarmato nei giorni scorsi la comunità locale, non è proveniente da scarichi di depurazione, bensì è il risultato della presenza di aggregati mucillaginosi». È quanto sostiene l’Arpacal, l’agenzia regionale per l’ambiente, che ha reso noti gli esiti degli esami del laboratorio bionaturalistico del dipartimento provinciale di Reggio Calabria.

 


Le analisi sono state condotte sulle schiume prelevate dalla Guardia costiera di Siderno il 4 luglio scorso, a seguito di numerose segnalazioni provenienti dai cittadini ma anche dalle istituzioni locali.
«Non si tratta, quindi, di scarichi di depurazione, ma di mucillagini di specie non tossiche – scrive l’Arpacal - non associate alla presenza di coliformi ed enterococchi intestinali, e quindi non di origine fecale».

 

«In generale, il fenomeno delle mucillagini – dichiara Francesca Pedullà, responsabile Arpacal per la campagna di balneazione - è la manifestazione di un complesso meccanismo biologico e fisico influenzato da molti fattori. Primi fra tutti la circolazione delle acque, l’intensità dei venti, la geomorfologia della linea di costa, l’incremento dei nutrienti nel periodo estivo e la presenza di fonti di impatto antropiche e da apporti fluviali. Il meccanismo fisico che determina la formazione delle schiume è infatti influenzato da una particolare circolazione delle acque che in associazione a venti di modesta intensità e alla temperatura stagionale, permette al plancton naturale di risalire in superficie per concentrarsi in aggregati schiumosi, anche molto estesi, dovuti all’attività metabolica naturale dello stesso fitoplancton».


LEGGI ANCHE

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: