Liquami nel torrente Turrina, sequestrata condotta fognaria a Curinga

Denunciati l’attuale e il precedente sindaco del comune del Lametino. Le attività portate avanti dalla Guardia costiera

venerdì 21 settembre 2018
14:13
10 condivisioni

Costante l’attività di vigilanza volta a prevenire e reprimere gli illeciti ambientali portata avanti dalla Capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina e dei suoi uffici dipendenti. Nell’ambito dell’esercizio di tali funzioni, i militari della Guardia Costiera di Vibo e dell’Ufficio Locale Marittimo di Pizzo hanno recentemente dato esecuzione ad un Decreto di Sequestro Preventivo emesso dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Lamezia Terme, sequestrando, nel Comune di Curinga, parte di una condotta fognaria che sversava liquami nel torrente Turrina e la porzione di suolo interessata da tale sversamento.

 

Il provvedimento è conseguente alla precedente attività di indagine, condotta sulla base delle direttive della Procura della Repubblica di Lamezia Terme, che ha consentito di deferire alla giustizia l’attuale ed il precedente sindaco del Comune del lametino, ente proprietario della condotta fognaria. Svariati gli illeciti ipotizzati, fra cui il danno ambientale, il deturpamento di bellezze naturali, lo scarico non autorizzato di reflui fognari. L’attività svolta ha così consentito di incidere su una significativa fonte di inquinamento dell’ambiente naturale, in un’area specificatamente tutelata dalla legge e sottoposta a vincolo, rappresentata dall’ecosistema del torrente Turrina e da quello costiero e marino.

 

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: