L'emergenza rifiuti si sposta a Cosenza. Polemiche sul nuovo ecodistretto

VIDEO | Se l'Ato non individuerà il sito in cui allocare l'infrastruttura, la Regione attiverà i poteri sostitutivi, probabilmente in capo allo stesso presidente d'Ambito Marcello Manna

di Salvatore Bruno
12 settembre 2019
13:07
19 condivisioni

Si va verso l'attivazione dei poteri sostitutivi nell'Ato di Cosenza, l'Ambito territoriale ottimale presieduto dal primo cittadino di Rende Marcello Manna, che annovera i sindaci dell'intera provincia bruzia. L'organismo, cui è demandata la gestione del ciclo dei rifiuti, non riesce a trovare una intesa sull'area in cui costruire l'ecodistretto, l'impianto a basso impatto ambientale e tecnologicamente avanzato, in cui conferire i rifiuti per la rigenerazione del materiale riciclabile e la trasformazione degli scarti in energia.

Scarico di responsabilità

I comuni dovrebbero fare a gara per aggiudicarsi l'infrastruttura: la Regione ha già messo sul piatto un finanziamento di 50 milioni di euro per la realizzazione, mentre l'amministrazione locale che ospiterà la piattaforma beneficierà di royalties stimate in 800 mila euro annui. Per il suo funzionamento poi, saranno assunti circa sessanta addetti, oltre a quelli dell'indotto. Ma la paura della reazione dei cittadini frena ogni scelta: per non mettersi contro gli elettori, sempre ostili all'idea di avere vicino casa un impianto di trattamento dei rifiuti, per quanto ecologico sia, i sindaci preferiscono scaricare la responsabilità della scelta ad un commissario. Con ogni probabilità sarà nominato lo stesso presidente dell'Ato, Marcello Manna.

Emergenza alle porte

Nel frattempo anche in provincia di Cosenza è alle porte l'emergenza ambientale. Con il blocco della discarica di Cassano, per l'effetto domino l'impianto di stoccaggio di Calabra Maceri a Rende non accetta più la frazione indifferenziata. Gli autocompattatori rimangono saturi e la spazzatura si accumula agli angoli delle strade. Grazie all'intermediazione dell'Assessore Regionale Antonietta Rizzo con gli agricoltori della zona, l'impianto sibarita potrà essere ampliato. Entro la giornata di domani, 13 settembre, dovrebbero quindi riprendere i conferimenti, con la conseguente riattivazione dell'intera filiera.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio