Spiagge trasformate in discariche, ecco il dopo Ferragosto in Calabria

VIDEO | Per due giorni, in nome della tradizione, le coste calabresi sono state teatro di falò e feste, che però si sono rivelati l'ennesimo agguato alla natura e all'ambiente

di Francesca  Lagatta
16 agosto 2019
17:18
1388 condivisioni

Sui social tutti ambientalisti, nella realtà, invece, basta il tempo di una notte, quella di Ferragosto, per trasformare le spiagge in discariche a cielo aperto. Le coste della Calabria, questa mattina, erano infatti invase da rifiuti di ogni genere e in parte andati in fumo.

Da nord a sud, questa notte migliaia di persone hanno attesa l'alba attorno a un falò, consumando alcool e cibo; si tratta di una pratica che fa ormai parte delle tradizioni e della cultura di un'intera nazione, che però, in un'epoca in cui la tutela dell'ambiente è una questione di vita o di morte, si dovrebbe accuratamente evitare. Al di là degli elementi tossici sprigionati nell'aria a causa della combustione di materiali nocivi, tra i quali anche la plastica, la notte ferragostana ha lasciato in eredità una marea di rifiuti non differenziati a marcire sull'arenile, a pochi metri dalla riva del mare o dei fiumi. Il sole cocente, poi, ha fatto tutto il resto, rendendo l'aria irrespirabile, oltre a provocare un alto rischio di infezioni e malattie.

Legna ancora fumante e carrelli della spesa bruciati

Per avere un quadro preciso della situazione, è bastato percorrere solo qualche centinaio di metri sulle spiaggie nella zona dell'alto Tirreno cosentino. Sulla sabbia, stamattina, c'era davvero di tutto: bottiglie di vetro, plastica, cartoni, lattine, resti di pizza, tovaglioli, posate, bicchieri e piatti di plastica, legna ancora fumante e persino un carrello della spesa. Anche il trasportatore di merce è stato dato alle fiamme, insieme a tutto ciò che lo circonda, e poi è stato lasciato incustodito tra bottiglie di vino in plastica ancora piene, tavole di legno, bottiglie d'alcool incenerite e quel che resta di una sdraio in ferro o alluminio.

Il sevizio raccolta rifiuti ancora nel caos

All’alto grado di inciviltà di certi esseri umani, va aggiunta poi la disorganizzazione nella gestione dei rifiuti, che, ad onor del vero, a momenti alterni arreca danno da gennaio a dicembre, non soltanto in estate. A giudicare dai cumuli di sacchetti rinvenuti questa mattina lungo le strade e anche nelle aree adibite, almeno fino a mezzogiorno, sembrerebbe che lo smaltimento dei rifiuti non sia esattamente una priorità per le  varie amministrazioni comunali. Situazioni che si trascinano di anno in anno, su cui grava un costante rimpallo di responsabilità tra un ente pubblico e l'altro.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista

Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalis...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio