Discariche piene, nel Cosentino stop al ritiro dell'indifferenziato

Appello di Calabra Maceri alla cittadinanza: «Occorre maggiore rigore nel separare i rifiuti»

di Salvatore Bruno
16 gennaio 2020
19:41
41 condivisioni

Il capannone della Calabra Maceri è saturo. La società incaricata del pretrattamento della frazione indifferenziata destinata alla discarica non sa più dove stipare i rifiuti, mentre le istituzioni in un odioso rimpallo di responsabilità, non sono ancora riuscite a risolvere il problema dell'assenza di impianti in cui destinare gli scarti.

Impianti insufficienti

A Cassano, è il caso di dirlo, la misura è colma. A Scala Coeli sono in corso i lavori propedeutici all’apertura, nel frattempo la spazzatura giace in strada, soprattutto a Cosenza, con buona pace dei cittadini. Intanto l’azienda guidata da Crescenzo Pellegrino ha comunicato lo stop dei conferimenti. Ed in questa fase, con il governo regionale agli sgoccioli e la Prefettura priva di una guida, mancano anche gli interlocutori per trovare soluzioni tampone e di emergenza.

Salvatore Bruno
Giornalista

Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche.

...

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio