Comuni morosi nella Locride, raccolta rifiuti a rischio: «Crediti per oltre 2 milioni»

L'allarme lanciato dall'amministratore della società che ha informato la Prefettura: «Il rischio è di non poter più garantire la copertura dei costi fissi»

di Ilario  Balì
sabato 24 agosto 2019
16:48
Condividi

I comuni non pagano e la spazzatura resta per strada. L’allarme è stato lanciato dall’amministratore di Locride Ambiente, la società che gestisce la raccolta rifiuti sul territorio della provincia reggina, il quale con una lettera ha comunicato alla Prefettura di Reggio Calabria l’intenzione di diffidare i comuni che non sono in regola con i pagamenti. La società «rileva che i crediti che vanta nei confronti delle Amministrazioni comunali, sui cui territori la stessa eroga il servizio di raccolta di rifiuti, sono sensibilmente aumentati. Dall'ultima verifica fatta – si legge nella nota - la situazione debitoria dei comuni ammonta ad oltre due milioni e mezzo di euro, ai quali si devono aggiungere gli interessi di mora. Si è, gioco forza, creata, come peraltro riportato in una nota ufficiale inviata alla Prefettura di Reggio Calabria a firma dell'amministratore Delegato, 'una situazione di instabilità e mancanza di liquidità'. Il rischio immediato e concreto è quello di non poter garantire a breve la copertura dei costi fissi e dei servizi. Un rischio che, per onestà, lealtà e serietà, Locride Ambiente vorrebbe scongiurare». La società ha anticipato le risorse per conto dei comuni morosi, ma da qui a brevissimo tempo non sarà più possibile.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream