Nei cieli calabresi lo sfavillio delle stelle cadenti invernali

Le Geminidi, la cui scia è paragonabile per bellezza e visibilità alle Perseidi di agosto, oggi e domani avranno il loro picco di luminosità. Ecco dove osservarle nella nostra regione

di Paula Scalamogna
13 dicembre 2018
13:53
405 condivisioni
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Dita incrociate stasera, sperando che il cielo sia libero da nuvole e che la pioggia non rovini lo spettacolo delle Geminidi, il tanto atteso sciame meteoritico invernale che dopo le stelle cadenti di San Lorenzo, metterà col naso all'insù gli amanti della volta celeste. 

 

Cosa sono le Geminidi

Le Geminidi sono uno sciame meteorico annualmente generato dall’asteroide 3200 Phaethon. La peculiarità delle Gem (il loro acronimo) è che quando la Terra si trova in prossimità dell'asteroide, se ne possono contare circa 120 l’ora. «Lo sciame porterà gli appassionati ad osservare il cielo per ammirare il suo picco di luminosità tra stanotte e domani e successivamente tra i 14 e il 15 dicembre» ha affermato l’Unione Astrofili Italiani. Anche Google ha deciso di omaggiare le Geminidi, dedicando loro il doodle, con l’immagine di un simpatico e sfavillante sciame di stelle.

 

Come e quando osservare le stelle cadenti invernali

Le Gemenidi appariranno come delle improvvise strisce luminose di colore giallognolo. Si chiamano così perché sembrano originarsi nel punto in cui si trova la costellazione dei Gemelli, ma in realtà, possono essere visibili in buona parte della volta celeste. Chi vuole osservarle deve quindi organizzarsi. Le prime ore del mattino sono quelle ideali per vedere le stelle cadenti più numerose e brillanti. Chi invece preferisce non alzarsi così presto potrà cominciare a osservare il cielo prima della mezzanotte, approfittando del fatto che già in quelle ore il punto della volta celeste dal quale provengono le meteore (radiante) è già molto alto dall'orizzonte. A Mendicino, l'associazione culturale "Gruppo Astrofili Giovan Battista Amico" ha organizzato, per il 16 dicembre, una serata allo stadio comunale. Le attività della serata verranno suddivise in turni della durata di circa un’ora e grazie alla presenza di telescopi sarà possibile osservare il cielo. Anche al Planetario Pythagoras di Reggio Calabria verranno organizzate delle serate che consentiranno ai visitatori di utilizzare i telescopi per osservare il meraviglioso spettacolo delle stelle cadenti.

 

Le Geminidi come le Perseidi

«Lo sciame è molto disperso - osservano gli astrofili della Uai - e sono del tutto possibili cadute interessanti in qualunque ora della notte». Si spera di trovare un cielo libero dalle nuvole, considerando che negli ultimi 50 anni lo sciame delle Geminidi ha progressivamente aumentato la sua intensità: se nel 2017 le meteore hanno sfrecciato nel cielo al ritmo di 60-70 l'ora, quest'anno potrebbero essere 100-120 l'ora, assolutamente confrontabili con le stelle cadenti di agosto, le Perseidi, su cui esprimiamo i nostri desideri. Non preoccupa invece la Luna, che trovandosi al primo quarto, non dovrebbe disturbare eccessivamente».

 

 

LEGGI ANCHE:

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio