Cetraro, ennesima discarica abusiva: «Un sistema criminale organizzato»

Secondo l'assessore all'Ambiente Massimiliano Vaccaro non si tratterebbe dell'inciviltà di singoli cittadini ma di azioni mirate di ditte che svolgono servizi di pulizia, trasloco, lavori edili, le quali così risparmierebbero sui costi di smaltimento

di Francesca  Lagatta
sabato 1 dicembre 2018
20:05
100 condivisioni

«In data 27 novembre, alle ore 8.25 circa, su segnalazione anonima di alcuni cittadini, mi recavo in località Lampetia di Cetraro e più esattamente nei pressi della rinomata spiaggia denominata “Grotta di Rizzo” e ivi, nello spazio soprastante, trovavo cumuli di rifiuti abbandonati». Lo scrive l'assessore all'Ambiente di Cetraro, Massimiliano Vaccaro, nell'incipit dell'esposto presentato lo scorso 29 novembre alla procura della Repubblica di Paola. 

La scoperta lascia Vaccaro sgomento. Dalle foto allegate al documento si vede come sul terreno siano stati lasciati incustoditi cavi elettrici, rete da pesca, pezzi di meccanica varia, materiali edili, una valanga di pneumatici, pezzi di plastica di ogni genere, ma anche legno e sacchetti dell'immondizia. Un concentrato letale per l'ambiente e la salute dei cittadini, che rende allarmante una situazione già insostenibile.

Un fenomeno inarrestabile

Non è la prima volta che quella zona, leggermente fuori dalla città, sia stata interessata dall'abbandono indiscriminato di rifiuti. Il sindaco Angelo Aita ha ripetutamente provveduto alla rimozione, ma puntualmente gli incivili tornano a sporcare.

Vi è di più. «L'abbandono dei rifiuti, è purtroppo, in continuo aumento e interessa ormai diverse zone del territorio comunale - fa presente Vaccaro nella sua denuncia -, tant'è che ormai quotidianamente arrivano segnalazioni da parte dei cittadini che danno contezza di luoghi trasformati in ricettacoli di rifiuti di ogni genere con richieste di bonifica e pulizia».

L'ipotesi di un sistema criminale organizzato

Il fenomeno sta assumendo via via dimensioni sempre maggiori che destano preoccupazione ed allarme tra i cittadini onesti e fanno sorgere il sospetto che l'abbandono non sia da attribuirsi soltanto a singole persone irrispettose delle leggi e delle norme di civile convivenza, bensì il risultato di un sistema organizzato da parte di ditte che svolgono servizi di pulizia, trasloco, lavori edili e similari. Questa è l'ipotesi che Vaccaro fornisce agli inquirenti.

Del resto «l'ente comunale - assicura l'assessore - non solo è impegnato in un'opera di continua sensibilizzazione rivolta ai cittadini, ma ha anche organizzato e appaltato un servizio di raccolta dei rifiuti porta  a porta che interessa l'intero territorio cittadino, ed istituito un servizio di ritiro gratuito degli ingombranti presso il domicilio degli utenti».

Danni economici ingenti

L'abbandono dei rifiuti, oltre alle ovvie ripercussioni sulla salute pubblica, incide pesantemente anche sulle finanze dell'ente comunale, che è quindi costretto a farsi carico delle spese e dei costi necessari ad eseguire le bonifiche dei luoghi deturpati dai rifiuti.

Numerosi sabotaggi

Insieme alla documentazione fotografica, Vaccaro all'esposto allega anche una denuncia del settembre scorso in cui si evince come qualcuno faccia di tutto per boicottare la raccolta differenziata, creando veri e propri allarmismi.

«Negli ultimi mesi e per la seconda volta - è scritto nella pec inviata alla Procura due mesi fa -, in contrada Palazzola prima e in contrada Sinni dopo, sono stati dati alle fiamme le batterie di bidoni carrellati (n. 6 bidoni per batteria) di  prossimità per la raccolta differenziata dei rifiuti. Oltre a ciò, la città di Cetraro sta vivendo un grave e preoccupante clima di inciviltà e consequenziali reati in materia ambientale. Sul vasto territorio comunale ci sono continui abbandoni di rifiuti anche del tipo ingombrante quali, ad esempio, elettrodomestici e mobili dismessi. La situazione, dunque, è diventata insostenibile». 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: