Il golfo di Gioia cerca bandiere blu, ma sulla costa mare sporco e degrado

VIDEO | E' nato un coordinamento di associazioni che tenta di portare l'attenzione sulla qualità dell'acqua tra la Piana e Vibo, ma non è solo questo il problema. In diversi centri ci si scontra con una situazione ambientale molto critica e una grave carenza di strutture e servizi

di Francesco Altomonte
14 ottobre 2019
17:19
128 condivisioni
La Piana di Gioia Tauro
La Piana di Gioia Tauro

Ottenere la bandiera blu per i centri costieri del golfo di Gioia Tauro, un’ampia porzione di territorio che comprende una parte della provincia di Vibo Valentia e di quella di Reggio Calabria. Questo è l’obiettivo che si è proposto il coordinamento formatosi nelle scorse settimane nella piana di Gioia Tauro e composto da associazioni turistiche e ambientaliste, politici e comuni cittadini. Il miglioramento della qualità delle acque è il primo passo che si sono prefissi i componenti del nuovo organismo. Un obiettivo ambizioso, forse troppo, dato lo stato in cui versa non solo il mare, ma anche il territorio, le sue strutture, pezzi di un quadro più generale dentro il quale viene attribuito l’ambito riconoscimento. Il problema, naturalmente, non riguarda solo i comuni costieri della piana di Gioia Tauro, ma anche una parte di costa vibonese.

Una delle immagini simbolo della nostra regione, portata in giro nelle grandi fiere del turismo per promuovere il nostro territorio è lo scoglio dell'ulivo di Tonnara di Palmi. Se volgiamo lo sguardo dal mare alla strada, però, la poesia si trasforma in dramma, una tragedia quotidiana che sta portando al lento ma inesorabile avvelenamento della nostra terra.

Se ci spostiamo a Gioia Tauro, il quadro non cambia, anzi è molto peggio: la città è stretta nella morsa di impianti altamente inquinanti come il depuratore gestito dalla Iam, che sversa con un enorme tubo a pochi metri dalla battigia, e l’inceneritore. Senza dimenticare i tre torrenti altamente inquinati: il Budello, il Petrace e il Mesima. Nella città del porto prima di puntare alla bandiera blu si dovrebbe approntare un ampio piano di rigenerazione ambientale.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesco Altomonte
Giornalista
Francesco Altomonte è un giornalista attratto dal lato oscuro dell'animo umano. La cronaca nera è la sua passione, per questo motivo è ritornato a vivere in Calabria dopo 12 anni di peregrinazione. Ama leggere, raccontare, investigare. Esattamente in quest’ordine. Per 10 anni è stato redattore nei quotidiani regionali “Calabria Ora” e “Garantista”, nonché corrispondente per agenzie di stampa e giornali nazionali dalla sua terra. Dal 2017 è corrispondente di cronaca nera e giudiziaria, dalla piana di Gioia Tauro, per la “Gazzetta del Sud”.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio