OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Ambiente

Legnochimica, Tomao deciso a procedere alla definitiva bonifica del sito

Riunione operativa in prefettura a Cosenza. Terra e argilla nelle vasche per evitare altre combustioni

martedì 13 giugno 2017
15:20
3 condivisioni
Il Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao
Il Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao

La buona notizia riguarda i dati raccolti dall’Arpacal sulla salubrità dell’aria: i fumi scaturiti dalla combustione delle vasche di decantazione dell’ex Legnochimica non contengono sostanze tossiche.

 

Per questo il sindaco di Rende Marcello Manna ha proceduto alla revoca dell’ordinanza sindacale emessa venerdì scorso 9 giugno, con cui vietava tra l’altro, di tenere le finestre aperte nel raggio di un chilometro rispetto alla zona dell’ex stabilimento. Ma il problema della bonifica rimane.

 

La discussione aperta dal prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao, con l’intervento dei sindaci di Rende e Montalto Uffugo, Marcello Manna e Pietro Caracciolo, del consigliere provinciale delegato all’ambiente Francesco Gervasi, del rettore dell’Università della Calabria Gino Crisci, del dirigente della Protezione Civile Carlo Tansi, delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco, è orientata su due percorsi differenti con obiettivi ben precisi.

 

Nel breve termine si punta ad adottare tutti gli interventi necessari a scongiurare il rischio di nuovi incendi, nel lungo termine invece bisognerà lavorare per procedere ad una definitiva bonifica del sito.

«Al momento le vasche sono ricolme d’acqua – spiega il prefetto Tomao – Si è infatti proceduto all’allagamento dell’area per spegnere le fiamme. Ma si tratta di una soluzione tampone. L’acqua infatti è soggetta ad evaporazione e tra un paio di settimane il sito tornerà ad essere esposto al rischio di combustione.

 

Per questo stiamo valutando di riempire le vasche con terra e argilla. Un intervento non semplice da attuare ma che ci consentirà di evitare nuovi episodi di combustione».

 

Sulla bonifica il prefetto aggiunge: «Stiamo ragionando sulle modalità di risoluzione definitiva della questione. Apriremo quindi un ulteriore tavolo tecnico al quale mi auguro possano partecipare anche i commissari liquidatori della Legnochimica. Perché chiaramente – precisa Tomao – il fatto che l’azienda sia stata dichiarata fallita non esclude che la curatela fallimentare dovrà farsi comunque carico delle spese necessarie alla bonifica.

 

Chiaramente - conclude il prefetto - la bonifica stessa dovrà essere autorizzata dall’autorità giudiziaria, giacché il sito è sottoposto a sequestro».

 

Intanto la procura di Cosenza guidata da Mario Spagnuolo, sta vagliando le relazioni dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine per verificare se il rogo sia stato di origine dolosa e se, pertanto, vi siano stati comportamenti di rilevanza penale da perseguire e sanzionare.

 

Salvatore Bruno

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Diffamò il giornalista Agostino Pantano, condannato leader antimafia
Prossimo Articolo
BANKITALIA | Calabria frena la ripresa: ritardi nella spesa del nuovo Por
Salvatore Bruno
Salvatore Bruno
Giornalista

Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche.


Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria.


Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: